Sport di contatto vietati: quali sono

sport di contatto vietati

Quali sono gli sport di contatto vietati dal Governo dopo gli ultimi due Dpcm? La lista è più lunga di quanto ci si possa aspettare, e include anche attività davvero bizzarre (come la pallavolo in cui è proibito l’uso delle braccia).
Il Dpcm del 13 ottobre, per contenere l’aumento dei contagi da Coronavirus, ha bloccato gli sport di contatto a livello amatoriale, come ad esempio il calcetto con gli amici e le partite di basket al campetto. A questo divieto si è aggiunto quanto imposto dal Dpcm del 18 ottobre, che ha messo una ulteriore (e criticatissima) stretta: “Sono altresì sospese tutte le gare, le competizioni e le attività connesse agli sport di contatto aventi carattere ludico-amatoriale. L’attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e l’attività formativa di avviamento relative agli sport di contatto sono consentite solo in forma individuale, e non sono consentite gare o competizioni”.
Sotto questo aspetto, che può apparire nebuloso, Vincenzo Spadafora ha ribadito che le partite e le gare sportive dilettantistiche a livello regionale e nazionale potranno continuare, mentre a livello provinciale ci si potrà allenare solo individualmente. “Per fare un esempio: la squadra di una scuola calcio di giovanissimi o pulcini potrà continuare ad allenarsi, ma senza giocare partite”, ha detto il Ministro dello Sport.
Nel basket italiano, inoltre, sono sospesi solo i campionati di minibasket, mentre fino alle giovanili dell’Under 13 si gioca. Per quanto riguarda la pallavolo, la Federvolley ha specificato che sono sospese le attività ufficiali riguardanti il volley S3 e gli Under 12.

Gli sport vietati in Lombardia

La Lombardia, dove è praticamente tutto fermo, è un caso a sé. Nella regione italiana più colpita dalla pandemia, infatti, vige l’ordinanza 620 che sospende anche gli allenamenti fino al 6 novembre: un divieto che va applicato a tutti gli sport di contatto, agonistici e non, svolti a livello regionale o locale da società dilettantistiche. Per riassumere, in tutta Italia e anche in Lombardia, vanno avanti non solo i campionati professionistici come la Serie A di calcio e di basket, ma anche campionati dilettantistici come la Serie A2 e la Serie B di basket, la Serie A di pallavolo, la Serie A di rugby, la Serie A di calcio femminile e basket femminile.

Che sport si possono fare con il nuovo Dpcm

A tutti i livelli proseguiranno il tennis, il padel, il golf e tutti gli sport individuali dove non c’è contatto con l’avversario. Ad esempio, chi vuole prenotare un campo di padel per una partita con gli amici può farlo senza problemi. Per quanto riguarda il beach volley, che ufficialmente non è considerato sport di contatto (a differenza della pallavolo), si può giocare in un centro sportivo solo se tesserati, ma quattro amici (per fare un esempio) non tesserati non possono prenotare un campo.
Si può continuare ad andare a correre e in bici, mantenendo però una distanza di 2 metri con le altre persone (senza obbligo di mascherina). Passando invece agli sport di contatto vietati a livello amatoriale e dilettantistico, il Ministro dello Sport ha di recente pubblicato un documento in cui li elenca tutti, dal primo all’ultimo.
>> LEGGI ANCHE: Sport, professionisti, dilettanti, amatori: le differenze

Gli sport di contatto vietati dopo gli ultimi due Dpcm

Nella tabella “sport di contatto” del Ministero per le Politiche Giovanili e lo Sport figurano queste attività, vietate su tutto il territorio nazionale sia per i dilettanti sia per gli amatori:

  • Arti marziali (karate, aikido, judo, kungfu ecc…)
  • Attività subacquee
  • Automobilismo (rally)
  • Baseball
  • Bob: è uno degli sport di contatto vietati, ma non in forma individuale
  • Calcio e calcetto
  • Canottaggio
  • Cheerleading
  • Cricket
  • Danza sportiva, danze accademiche, danze coreografiche, danze internazionali, danze nazionali, street dance: vietate in gruppo ma non in forma individuale
  • Fistball
  • Fliying disc (frisbee)
  • Floorball
  • Football americano
  • Ginnastica acrobatica, artistica, ritmica, aerobica: consentite solo in forma individuale
  • Giochi e sport tradizionali come il calcio fiorentino
  • Hockey
  • Judo
  • Kickboxing
  • Korfball
  • Lacrosse
  • Lotta
  • Netball
  • Palla tamburello
  • Pallacanestro e sand basket
  • Pallamano
  • Pallapugno
  • Pallavolo
  • Pugilato
  • Rafting: si può fare in forma individuale
  • Rugby
  • Sambo
  • Savate
  • Sepak takraw (la pallavolo che si gioca senza l’ausilio delle braccia)
  • Shoot boxe
  • Slittino: si può fare in forma individuale
  • Sport a rotelle: solo il pattinaggio artistico è consentito in forma individuale
  • Sport acquatici (nuoto sincronizzato e pallanuoto)
  • Sport su ghiaccio
  • Squash
  • Tiro alla fune

[Photo by KeithJJ / Pixabay]

©RIPRODUZIONE RISERVATA