Aumentano gli incidenti in monopattino: le cause e le regole da rispettare

incidenti in monopattino

In Italia aumentano gli incidenti in monopattino: le cause sono molteplici, e forse è necessario ripassare le regole da rispettare quando si utilizzano questi mezzi.
Quella del 12 giugno è stata la triste data in cui, per la prima volta, un italiano è morto in seguito a un incidente su un monopattino elettrico. Si tratta di un 60enne che è stato investito da un’automobile nei pressi di una rotonda di una extraurbana di Budrio, nel bolognese. Purtroppo è stato uno dei diversi incidenti in monopattino avvenuti da quando in Italia è stato allentato il lockdown per contenere la diffusione del Coronavirus. I numeri a riguardo non hanno ancora raggiunto livelli allarmanti, ma sono decisamente più alti rispetto all’anno scorso (sono già triplicati) perché sempre più italiani, anche per via del buono mobilità previsto dal Decreto Rilancio, hanno deciso di acquistare e utilizzare uno di questi mezzi di micromobilità elettrica. Girando per le città il colpo d’occhio è immediato: in strada e sulle ciclabili la concentrazione di monopattini è aumentata esponenzialmente rispetto al periodo precedente all’emergenza sanitaria. E dunque sta salendo anche il numero degli incidenti. Ma quella che in molti stanno facendo passare come una situazione preoccupante (mettendo in discussione le regole previste), è una tendenza che bisognava aspettarsi dal momento in cui i monopattini sono stati equiparati alle bici e inclusi nel buono mobilità.

Incidenti in monopattino: quali sono le cause?

In tutto il 2019, secondo l’Asaps (Associazione sostenitori e amici della polizia locale), si sono verificati solamente 7 incidenti stradali che hanno coinvolto persone a bordo di monopattini o mezzi elettrici. In questi primi 6 mesi del 2020, invece, il numero è salito a 22. E considerando che da inizio marzo a inizio maggio c’è stato il lockdown, viene naturale pensare che l’incremento sia avvenuto di recente: nelle ultime settimane gli incidenti in monopattino sarebbero stati una quindicina. Il quotidiano romano ‘Il Tempo’, addirittura, ha riportato che nel centro della capitale c’è “praticamente un incidente al giorno”.
Ma quali sono le cause di tutti questi eventi spiacevoli? È solo un incremento “naturale” dovuto al fatto che, soprattutto nelle città, i mezzi di micromobilità elettrica sono sempre più gettonati per gli spostamenti quotidiani? A volte, purtroppo, gli incidenti nascono anche per un mancato rispetto delle regole: il 60enne deceduto a Budrio era su una extraurbana, e i monopattini elettrici non possono circolare su quel tipo di strade (a meno che non ci sia una pista ciclabile). Altri incidenti, invece, avvengono per puri casi fortuiti: domenica sera a Milano, ad esempio, un uomo di 54 anni ha perso l’equilibrio (forse a causa di un ostacolo visto in ritardo) su un marciapiede del centro ed è caduto sbattendo violentemente la testa (non sarebbe in pericolo di vita).
>> LEGGI ANCHE: Come si guida il monopattino elettrico

Le regole da rispettare in monopattino

Come per qualsiasi incidente, anche quelli in monopattino non avvengono mai per una singola e specifica causa. Rispettando le regole (che sono molto chiare) e indossando il casco (anche se è obbligatorio solo per i minorenni), però, è senza dubbio possibile evitare tanti eventi spiacevoli. Forse ancora di più delle bici, i monopattini elettrici sono gli elementi più vulnerabili delle strade: sono piccoli (dunque un po’ più difficili da vedere) e sono dei mezzi “nuovi” a cui gli automobilisti devono ancora abituarsi. Grazie all’approvazione della legge di conversione del Decreto Milleproroghe, dal primo marzo 2020 sono entrate in vigore le regole definitive per l’utilizzo dei monopattini elettrici (ormai equiparati alle biciclette). E forse, prima di comprarne uno, è necessario ripassarle con attenzione:

  • I monopattini devono avere una potenza massima di 0,50 Kw e devono essere dotati di un limitatore di velocità che non consenta di superare i 25 chilometri orari.
  • I monopattini non possono essere utilizzati dai minori di 14 anni.
  • Il casco è obbligatorio per i minorenni.
  • La velocità massima è di 25 chilometri orari sulle carreggiate delle strade urbane contraddistinte dal limite 50 chilometri orari; nelle aree pedonali il limite scende a 6 chilometri orari.
  • Non si può circolare sulle extraurbane, a meno che non abbiano la pista ciclabile.
  • I monopattini devono riportare la marcatura CE.
  • I monopattini devono essere dotati di un campanello e dell’illuminazione anteriore e posteriore.
  • Da mezz’ora dopo il tramonto e di giorno, qualora le condizioni atmosferiche richiedano l’illuminazione, è obbligatorio tenere le luci accese.
  • In strada bisogna procedere in fila indiana, e nelle carreggiate più larghe c’è il limite di massimo di due persone affiancate.
  • Non si possono trasportare persone/oggetti/animali e non ci si può far trainare da altri veicoli.
  • Durante la guida bisogna tenere entrambe le mani salde sul manubrio, a meno che non si stia segnalando una svolta.

(Foto: moovi_escooter / Pixabay)

 

Se stai pensando a una bici o un monopattino elettrico, ecco le nostre guide per capirne di più

 

> se hai trovato interessante questo articolo, iscriviti alla nostra newsletter compilando il form qui sotto!

©RIPRODUZIONE RISERVATA