Tornare in palestra: 10 + 1 consigli per il Coronavirus

Tornare in palestra: consigli Coronavirus

Finalmente si può tornare in palestra, anche in Lombardia, ma in tempi di Coronavirus riprendere gli allenamenti di fitness, benché individuali o al massimo con l’ausilio del personal trainer, impone alcune precauzioni e di seguire alcuni consigli e regole per evitare la diffusione del COVID-19. Ovvero evitare di prendere il virus o eventualmente di trasmetterlo, nel caso in cui si fosse portatori asintomatici. All’ingresso di ogni palestra, grande o piccola che sia, di note catene internazionali o del proprio comune, dovrebbero essere ben evidenti le regole di comportamento all’interno della struttura, e leggerle e rispettare è il primo consiglio per andare in palestra in ragionevole sicurezza anche con il Coronavirus. Ma poi a fare la differenza sono i comportamenti individuali e tanto, tanto buon senso. Perché è indubbio che ancora adesso, nonostante il trend in discesa dei contagi, i luoghi chiusi, con poca areazione e affollati possono aumentare il rischio di contrarre o trasmettere il COVID-19. Un rischio che dopo 2 mesi di lockdown in casa e un altro mese con forti limitazioni nessuno vuole più davvero correre. E allora vediamo i 10 + 1 consigli per tornare in palestra senza prendere il Coronavirus.

Pubblicità

1. Prima di tornare in palestra prenota la tua sessione di allenamento

Lo stanno facendo tutti, dai parrucchieri ai dentisti, ed è il modo più semplice per essere sicuri di evitare assembramenti. Le grandi catene hanno digitalizzato il tutto, tramite App o Internet, non è detto che sia così anche nelle piccole palestre indipendenti, ma hai il vantaggio spesso di conoscere il proprietario e fare un colpo di telefono o mandare un messaggio prima per essere sicuro che avrai la possibilità di accedere alla struttura mantenendo le giuste distanze di sicurezza ed evitando affollamenti e assembramenti è la cosa migliore da fare. Se poi il gestore ti dice che non è necessario fatti venire qualche dubbio: forse non è il caso di andare, e forse in questo momento è il caso di cambiare palestra.

2. Verifica che sia misurata la temperatura all’ingresso

Anche questo lo stanno facendo tutti, dai negozi ai ristoranti, ed è la prima barriera per evitare che un positivo acceda a un locale al chiuso. La regola dice che la temperatura deve essere inferiore a 37.5° e che chi è sopra non sia fatto entrare. Anche in questo caso, se ciò non avviene fatti venire qualche dubbio, e nel dubbio evita di entrare a fare allenamento (e magari valuta di cambiare palestra).

3. In spogliatoio uno per volta

Se gli accessi sono prenotati e scaglionati questo dovrebbe avvenire di conseguenza. La raccomandazione è di garantire 5 metri quadri di spazio a persona: questo può avvenire negli spogliatoi spaziosi, più difficile che avvenga nelle piccole palestre, e nel dubbio chiedi al gestore di poter attendere di entrare da solo in spogliatoio. In questo frangente 5′ di attesa possono significare molto in termini di distanziamento sociale e riduzione del rischio.

4. Se possibile chiedi che siano tenute aperte le finestre

Vale negli spogliatoi, vale anche nella sala fitness: una buona areazione riduce il rischio di diffusione del contagio e benché il Coronavirus non sia la legionella il ricambio naturale d’aria riduce sensibilmente il rischio. La possibilità di trasmissione del virus tramite i condizionatori è considerato unanimemente basso, ed è un tema già affrontato anche per gli ospedali, ma nel dubbio se è possibile aprire le finestre e far girare l’aria è meglio, e chiedi che sia fatto. È lo stesso principio per cui sono state consentite prima le attività all’aria aperta e poi l’apertura di negozi e ristoranti: l’aria che circola diluisce le particelle infette e riduce il rischio di infezione. Se poi il gestore ha fatto la manutenzione agli impianti di condizionamento e areazione, tanto meglio, è una garanzia in più.

5. Se possibile, stai all’aperto

È lo stesso principio del punto 4, e molte palestre stanno sfruttando gli spazi all’aperto per posizionare macchine e attrezzature e ridurre la concentrazione di persone: al posto del tapis roulant puoi correre all’aperto, in strada, e se c’è un rack per il bilanciere fuori è preferibile a quello dentro

6. Comunque mantieni le distanze

In palestra, mentre ti alleni, è impossibile – anzi sconsigliato – indossare la mascherina. Per cui mantenere le distanze è la prima forma di protezione alternativa che puoi rispettare. Il metro, metro e mezzo che vale quando passeggi in centro in palestra potrebbe essere poco: secondo gli esperti ciascuna postazione dovrebbe avere almeno 7 metri quadri di spazio per persona, e la distanza interpersonale essere di almeno – almeno – 2 metri. Tantissimi gestori di palestre si sono già adeguato, togliendo macchinari – o spostandoli all’aperto – per guadagnare spazio per ciascuna postazione. Se credi che lo spazio non sia sufficienti chiedi gentilmente una verifica, e comunque tu, nel dubbio, mantieni le distanze.

7. Lavati le mani

Anche questa è una precauzione che doveva valere già prima del Coronavirus e che vale a maggior ragione adesso. Lava le mani prima di entrare nella struttura – dovrebbero esserci i dispenser di gel igienizzante all’ingresso, come in ogni negozio o esercizio commerciale -, lava le mani quando esci dagli spogliatoi, e possibilmente lavale col gel quando finisci di utilizzare un attrezzo. Il virus in realtà sopravvive pochissimo sulle superifici – da quelle degli attrezzi a quelle comuni, tipo il bancone – ma nel dubbio, prima di toccarsi naso o bocca inavvertitamente, igienizzare le mani frequentemente è una buona tutela della tua salute.

8. Non temere il sudore

Il virus non si trasmette tramite sudore, per cui se quello accanto a te sul tapis roulant suda copiosamente non aver paura di contrarre il Coronavirus. Il virus si trasmette tramite i droplets, le goccioline di respiro o tosse emesse dalla bocca, quindi è fondamentale la distanza e l’igiene ma il sudore non trasmette il COVID-19. Che poi il gestore della palestra preveda di pulire e igienizzare la postazione dopo ogni utilizzo, eliminando anche il sudore di chi c’era prima, è solo una buona pratica di igiene che ti deve far pensare che si tratta di una palestra responsabile che tiene ai suoi clienti.

9 Portati il tuo asciugamano

Sì, moltissime palestre mettono a disposizione i propri asciugamani, che sono puliti e sanificati prima di ogni utilizzo e sono una grande comodità, perché poi li lasci in palestra. Ma di questi tempi anche il rischio di confondersi con quello di un altro utente è da evitare. Quindi, senza obbligo, ma se vuoi sentirti più tranquillo, portati il tuo asciugamento pulito da casa così sarai sicuro che nessuno possa scambiarlo con il proprio.

10. Se ci sono i separatori è meglio

Molte palestre li hanno già installati: sono pareti di plexiglass o plastica, spesso sospese dal soffitto, che creano una ulteriore barriera tra le postazioni di allenamento, in particolare dove ci sono gli attrezzi cardio come tapis roulant, ellittiche, rower e simili. Se gli attrezzi sono distanziati i separatori non sono obbligatori per legge, ma se il gestore della tua palestra li ha messi comunque è segno di attenzione nei confronti dei suoi clienti: per lui è un costo, per te una garanzia in più.

11. Non trattenerti

Sì, in condizioni normali anche fermarsi dopo l’allenamento a rilassarsi, farsi una bella doccia, chiacchierare, bere e mangiare qualcosa è parte dell’esperienza di andare in palestra e tenersi in forma. Ma in questo momento forse è meglio sbrigarsi velocemente e lasciare spazio agli altri, senza trattenersi.

Foto di Valentin Tikhonov da Pixabay

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche...