Mal di milza durante la corsa: come farlo passare

Il mal di milza durante la corsa, o splenalgia, è un “disturbo” che può capitare a molti runner, ma non c'è da spaventarsi: è un segnale che il nostro corpo di manda per dirci che siamo "fuori giri"

Correre Mal di Milza

Sarà capitato anche a voi. Iniziate a correre e dopo un po’ un dolore pungente a sinistra appena sotto lo stomaco inizia a darvi fastidio, fino a costringervi a fare una pausa dall’allenamento. È il mal di milza (o splenalgia), un “disturbo” tipico dei runner che hanno ancora pochi chilometri nelle gambe. Non abbiatecela con la milza – che tra l’altro è un organo indispensabile all’organismo che elimina i globuli rossi “vecchi”, funge da riserva di sangue e fa maturare i linfociti – ma piuttosto con voi stessi: si vede che non siete ancora abbastanza allenati per sostenere un ritmo di corsa così intenso. Ecco le cause dell’odioso mal di milza e i rimedi per prevenirlo e combatterlo.

Pubblicità

Perché viene il mal di milza durante la corsa

La sola cosa certa che si sa del mal di milza è che viene quando non si è abituati alla fatica della corsa e che quindi i soggetti più predisposti all’insorgere di questo fastidioso disturbo sono i runner in erba. Tuttavia, mancano ancora spiegazioni scientifiche confermate riguardo a quale sia la causa scatenante della splenalgia. Secondo l’ipotesi – per il momento – più accreditata, le fitte sarebbero una conseguenza del ritmo respiratorio intenso che provoca una pressione dei polmoni sul diaframma, situato anch’esso nell’ipocondrio sinistro a contatto con la milza. Il muscolo, sotto sforzo, premerebbe sulla milza provocando il tipico dolore.

Come rimediare al mal di milza

Se volete liberarvi del mal di milza una volta per tutte, l’unica soluzione è pazientare e continuare ad allenarsi con costanza. Una volta abituati alla corsa, sentirete infatti meno fatica e riuscirete a respirare con tranquillità, senza sforzare troppo il diaframma. Nel frattempo, quando vi prendono i conosciuti e lancinanti dolori sotto lo stomaco, non fermatevi e non forzate la respirazione (non fareste che peggiorare la situazione). Piuttosto cercate di respirare normalmente e di proseguire la corsa allentando il ritmo. Altrimenti, prendete fiato e camminate.

>Leggi anche: 5 trucchi per continuare a correre anche quando si è stanchi

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità