Come si superano gli ostacoli della Spartan Race

Tyre Flipping

"Le gomme da trattore che si troveranno alla Spartan non saranno pesantissime, ma sapere come ribaltarle correttamente ci permetterà di non farci male e di farlo nella maniera più veloce possibile", spiega Floriano Bitturini.
"L'errore classico è quello di pensare di tirare e sollevare verso l'alto il copertone con la forza delle braccia. Niente di più sbagliato. Nella ribaltata ci si deve accovacciare davanti al copertone stesso, infilare le mani sotto al copertone, appoggiarsi a esso, mantenere la schiena ferma e – con la forza delle gambe – spingere il copertone in avanti, come un giocatore di rugby in mischia. In questo modo il copertone si alzerà praticamente da solo: a metà alzata, bisogna dare una forte ginocchiata alla gomma che ci darà il tempo di girare i polsi e cambiare presa per spingerla in avanti e completare il ribaltamento. Ricordiamoci: il tyre flipping è un esercizio di spinta e non di tirata".

[slideshow post_id=”13060″]

Nessun concorrente, per regolamento, può conoscere il percorso della Spartan fino al giorno della gara (quest’anno 2017: il 29 aprile a Orte, il 10 giugno a Malpensa, il 23 settembre a Misano e il 28 ottobre a Taranto). Ma si sa per certo che il numero e la durezza degli ostacoli (che cambiano ogni volta) da superare è roba da Marine, e allora tutti vanno su Youtube a studiare i video delle gare precedenti per capire quali ostacoli verranno inseriti nel percorso ed esercitarsi di conseguenza (l’allenamento base ve lo abbiamo già spiegato). Per darvi una mano ad arrivare pronti, nella gallery vi diamo i consigli utili per affrontare gli ostacoli più comuni della Spartan.

> Leggi anche: Il circuito d’allenamento per prepararsi alla Inferno Run

©RIPRODUZIONE RISERVATA