6 consigli per sciare senza farsi male

6 consigli, pratici e seguibili da chiunque, per per sciare senza farsi male, soprattutto nelle prime uscite sulla neve a inizio stagione

Sciare senza farsi male

Tempo di neve, tempo di sci. Almeno per quei circa 2 milioni e mezzo di italiani che ogni anno decidono di cimentarsi con lo sport principe dell’inverno. Sciare è un piacere, ma talvolta il rischio di cadute e di conseguenti fratture incombe, così come quello  di infortuni muscolari o articolari, soprattutto all’apertura degli impianti di risalita e all’inizio della stagione sulla neve. E contrariamente a quello che si potrebbe immaginare, gli incidenti più gravi capitano proprio agli sciatori più bravi ed esperti.

Pubblicità

6 consigli per sciare senza farsi male

Nel corso degli ultimi anni si sono effettuate diverse ricerche per stabilire da cosa dipendono gli infortuni sugli sci e come prevenirli: ecco i consigli che se ne possono trarre.

Mettere gli sci dopo un’adeguata preparazione atletica

Nonostante questo sport non sia intrinsecamente pericoloso, è necessaria un’adeguata ed attenta preparazione atletica in quanto la percentuale maggiore di infortuni avviene all’inizio dell’attività o al contrario alla fine di un’intensa giornata sciistica.

> Per approfondire: 10 esercizi di presciistica da fare a casa.

Fare un check-up medico

Nell’ottica della prevenzione, prima di regalarsi un appassionante weekend sulla neve è fondamentale, soprattutto se in presenza di patologie croniche o cardiovascolari, consultare il proprio medico per verificare la compatibilità con il tipo di impegno sportivo che si vuole affrontare, anche in relazione all’altitudine e alle basse temperature che caratterizzano gli ambienti in cui si svolgono gli sport invernali e che sono in grado di influenzare i parametri cardiocircolatori.

> Per approfondire: Sport al freddo: come prevenire gli infortuni.

Fare riscaldamento

Per prevenire i maggiori rischi è bene attuare un buon riscaldamento prima di assaggiare la pista con i propri sci. Una efficace attività di stretching migliora l’elasticità e la mobilità articolare, come abbiamo spiegato qui; a volte infatti basta un movimento sbagliato o un´eccessiva sollecitazione per compromettere la salute delle articolazioni, in particolare del ginocchio, più esposto nell’attività di piegamento e slalom.

> Per approfondire: 4 esercizi di stretching prima di sciare

Cominciare a sciare con calma

Terminata la fase di riscaldamento è bene moderare l’intensità delle proprie prestazione all’avvio, non forzando ma dedicando le prime giornate al condizionamento fisico specifico che può essere realizzato solo sciando.

> Per approfondire: Come prepararsi alle prime sciate sulla neve.

Prestare attenzione all’alimentazione

Da non trascurare infine una corretta alimentazione: una prima colazione prevalentemente a base di carboidrati costituirà il serbatoio di energie necessario per affrontare gli sforzi fisici mentre durante la giornata è consigliabile sempre nutrirsi con spuntini costituiti da alimenti di buon contenuto energetico e facilmente digeribili.

> Per approfondire: Cibo, neve, freddo: gli errori da evitare.

Capire quando si è troppo stanchi

Infine per evitare spiacevoli incidenti è fondamentale ascoltarsi a livello fisico e mentale decidendo di smettere di sciare quando ci si sente stanchi.

> Per approfondire: Come far passare il mal di gambe dopo una giornata sulle piste da sci.

Credits: FlickrCC Trysil

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità