Piste da sci: le nere più difficili d’Italia

Ciampac, Alba di Canazei

La "nera del bosco" del Ciampac è semrpe stata dura ma da quest'anno, a causa dell'adeguamento agli standard internazionali, è perfino più difficile. È vero che la larghezza minima è stata portata a 40 metri lungo tutto il percorso ed è vero che pista larga significa pista (più) facile ,a le linee precedenti sono state modificate eliminando gli stretti tornanti che, volendo, rallentavano la discesa. Da provare anche la nuova nera sul Buffaure - battezzata Vulcano - sull'altro versante della Val Giumela, una picchiata di 566 metri di dislivello in soli 2150 metri di lunghezza, con muri che toccano il 58%. (Credit EMC)

Cortina
Gran Risa
Croda Rossa Sesto
arabba
pladecorones - credit DSS
canazei vulcano ciampac
Campiglio
Madesimo
laThuile

[slideshow post_id=”25960″]

È vero che per decidere quanto è impegnativa una pista da sci tutto dipende dalle condizioni della neve e che una rossa impegnativa con 30 centimetri di fresca è più difficile di una nera perfettamente battuta.

È vero che in Italia nessuno è mai riuscito a stilare una classifica credibile delle piste più pendenti del paese perché ora si tiene conto della pendenza media, poi della pendenza massima ed esiste perfino al pendenza massima media!

> Leggi anche: Le 10 piste nere più difficili del Trentino

Però, immaginando quindi pari presupposti e lo stesso fondo, questa è la nostra classifica – realistica ma evidentemente soggettiva – delle piste da sci più difficili d’Italia, nel senso più lato del termine.

PS: Noi – queste nove – le abbiamo provate tutte di persona.

©RIPRODUZIONE RISERVATA