Come bruciare più grassi con la corsa

Come bruciare più grassi con la corsa

Ci sono runner che volano fuori di casa appena possono, e altri che si trascinano per i sensi di colpa per l’abbuffata del giorno prima: ma, indipendentemente dal motivo per cui ci si allaccia le scarpe e si fatica per kilometri (chi più, chi meno), non c’è runner che non voglia asciugare il corpo e renderlo più snello e scattante.

È meglio correre a stomaco vuoto per bruciare più grassi o correre a un ritmo cardiaco lento per stare nella giusta zona cardiaca?

Meglio gli intervalli, brevi ma intensi, oppure una lunga corsa a ritmo costante?

Rispondiamo alle domande più diffuse circa il correre per dimagrire.

Cosa significa esattamente bruciare grassi?

Il nostro corpo brucia grassi quando è in grado di ossidare o bruciare il grasso e usarlo come “benzina” al posto dei carboidrati. Questo è un processo aerobico, poiché il grasso viene decomposto con l’aiuto dell’ossigeno. Le attività che bruciano più grassi sono quelle ad alto consumo di ossigeno come camminata nordica, corsa e bicicletta.

> Leggi anche: 6 consigli per dimagrire davvero grazie all’allenamento

Quando bruciamo grassi?

La maggior parte del grasso viene bruciato durante attività fisiche a bassa intensità. Migliore è la forma fisica, più alta è la percentuale di grasso presente nel tuo metabolismo e coinvolta nel processo metabolico. E conseguentemente, più l’attività è duratura e maggiore è il grasso bruciato.

> Leggi anche: I 10 migliori sport per dimagrire

Come bruciare al meglio i grassi con la corsa

In linea generale, il grasso viene bruciato quando si corre a un ritmo in cui puoi sostenere una conversazione. Secondo gli esperti, questo ritmo dovrebbe poter durare sino a 8 ore, ma sempre a passo sostenuto. Inoltre, finita la corsa, il tuo corpo continuerà a bruciare grassi per altre 2 o 3 ore dopo l’attività. Per ottimizzare questo processo, assicurati di ingerire liquidi e un po’ di proteine durante questo arco di tempo.

> Leggi anche: 10 falsi miti da sfatare sullo sport

Allenarsi a stomaco vuoto

Se ti senti abbastanza in forma per correre prima di fare colazione e slanciare il metabolismo, ottimizza il tuo allenamento in questo modo:

    • A stomaco vuoto, per max 40 minuti
    • A un consumo massimo di ossigeno (VO2 max) del 50-60%*

(* Questi valori sono indicativi. Puoi determinare il tuo livello di intensità di allenamento facendo il test del lattato, per determinare la tua soglia anaerobica, ovvero la stima della capacità di sostenere un esercizio prolungato.)

Solitamente si dice che correre a stomaco vuoto sia il modo migliore per bruciare grassi, perché, se fatto nel modo giusto, costringe il corpo ad attingere le forze dai grassi. Questa non è però una garanzia di perdita peso.

In questa situazione, la percentuale di energia prodotta bruciando grassi è abbastanza alta, ma il consumo energetico totale (TEE), quindi di calorie, è relativamente basso data la bassa intensità dell’allenamento. Ad esempio, facendo una corsa ad alta intensità, l’energia prodotta consumando grassi è, numericamente, parecchio più bassa. Allo stesso tempo, il TEE e il consumo calorico sono molto più alti e quindi in percentuale è più alto il consumo di grassi. É una questione di matematica: bruciando più calorie di quante se ne introducono, si perde peso. In questo senso, un allenamento di corsa intenso è preferibile ad uno a stomaco vuoto.

> Leggi anche: Correre la mattina a stomaco vuoto: i 3 miti più diffusi

Allenamento ad alta intensità

Meglio una lunga ma lenta corsa brucia grassi o pochi sprint a un battito cardiaco più elevato? Da una parte, durante una corsa a ritmo sostenuto sei nella zona brucia grassi ideale. D’altra parte, gli intervalli di allenamento intensi mettono alla prova i tuoi muscoli. Se stimoli il tuo battito cardiaco fino a raggiungere la zona anaerobica, il corpo ricorre alle tue riserve di carboidrati e brucia più calorie per il lavoro duro che svolgono i muscoli, anche dopo l’allenamento. Inoltre, puoi beneficiare dell’EPOC, ossia “extra consumo di ossigeno post esercizio”.

Durante un allenamento anaerobico ad alta intensità la percentuale di grasso coinvolta nel processo metabolico è minore ma si consumano più calorie grazie al lavoro intenso. E il corpo ha bisogno di più energia per il recupero, e quindi brucia più grassi.

L’ideale sarebbe combinare corse lente e rilassanti nella zona aerobica (dove si può sostenere una conversazione) e corse a intervalli brevi e intensi (che dovrebbero comunque essere fatti solo una volta a settimana).

L’efficienza con cui il tuo corpo brucia grassi dipende anche da una corretta alimentazione e dalla qualità del tuo riposo, poiché si bruciano grassi 24 ore su 24, soprattutto la fase di sonno profondo.

> Leggi anche: 6 vantaggi dell’Interval Training ad Alta Intensità

P.S.: Bevi un caffè o una tazza di tè verde prima della tua corsa mattutina per caricare il tuo metabolismo, grazie alla caffeina.

Vuoi scoprire quanto bruci? Puoi scaricare e usare subito un’app gratuita per iOS Apple come iPhone e iPad o per dispositivi Android

©RIPRODUZIONE RISERVATA

2 responses to “Come bruciare più grassi con la corsa

  1. Facendo attività a stomaco vuoto nel corpo si crea un mancante energetico, è chiaro che il corpo con poca disponibilità di cibo nello stomaco è meno preparato a far fronte al dispendio energetico e subisce più perdita di tessuto adiposo perchè è da li che deve prendere le energie per l’attività, ma quando si andranno ad introdurre con il primo pasto le calorie, il metabolismo come le utilizzerà? sicuramente andrà a ripristinare ciò che gli è stato tolto (il grasso) perchè lui protegge gelosamente le sue riserve di energia, ho sempre pensato di allenarmi dopo un pasto per “tagliare” il picco glicemico che alla fine è quello che fa accumulare grasso se l’energia del pasto non viene utilizzata.
    Magari ho sempre sbagliato io :-)))

Comments are closed.