Il Cammino delle Terre Mutate, a piedi sugli Appennini nei luoghi del terremoto

Cammino-Terre-Mutate-Tappa-7-Norcia-Castelluccio-di-norcia-6-1

Il Cammino delle Terre Mutate, sugli Appennini, è un percorso inaugurato nel 2018 che entra subito nel cuore di chi ama il trekking. Attraversa la dorsale appenninica del centro Italia, fra Marche e Abruzzo, andando a toccare valli e paesi su cui si sono abbattuti negli ultimi anni dei devastante terremoti.

Il Centro Italia è uno scrigno di bellezza. Ora lo si può attraversare con questo nuovo cammino che ha in sé la forza della spiritualità, le emozioni della solidarietà, il fascino delle tradizioni antiche e la potenza della natura.

È il Cammino delle Terre Mutate, 200 chilometri da fare a piedi o in bici da Fabriano a L’Aquila lungo le zone colpite dai terremoti negli scorsi anni. 14 tappe tracciate e ben segnalate, adatte a tutti e con strutture e alloggi disseminati lungo la dorsale appenninica per dormire e mangiare.

Il Cammino delle Terre Mutate appartiene a quel genere di trekking che di solito si definisce ‘cammino del cuore’ e per la sua capacità di colpire nel profondo chi lo affronta è da paragonare ai grandi cammini giacobei, come il Cammino di Santiago o la Via Francigena.

 

>> LEGGI ANCHE: In canoa in Abruzzo con la famiglia sul Tirino, il fiume più pulito d’Italia

Che cos’è il Cammino delle Terre Mutate

Il Cammino delle Terre Mutate è un percorso che va da Fabriano a L’Aquila attraverso l’Appennino e i luoghi che negli ultimi anni sono stati colpiti dai terremoti. È lungo circa 200 chilometri e si può percorrere sia a piedi che in bicicletta (Mountain Bike).

Si attraversano 4 regioni (Lazio Abruzzo, Marche e Umbria) toccando città simbolo del sisma, e immergendosi nella natura selvaggia di questa parte di Centro Italia.

 

Cammino-Terre-Mutate-Tappa-12-Campotosto-Mascioni-11

 

In sostanza sono stati messi in rete i principali sentieri della dorsale appenninica che passano per il Grande Anello dei Sibillini, il Sentiero Italia, i Sentieri del Parco Nazionale dei Monti Sibillini (leggi qui i nostri consigli sui trekking da queste parti) e del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga (qui c’è un bel trekking per andare a osservare le stelle) e tanti altri Sentieri CAI. Ora da Fabriano di dipana un un unico cammino adatto a escursionisti e cicloturisti e percorribile tutto l’anno (salvo condizioni metro avverse).

>> LEGGI ANCHE: Tutti i parchi nazionali d’Italia

 

Come e quando è nato il Cammino delle Terre Mutate

L’idea è partita da una serie di appassionati e di associazioni che hanno voluto provare a rilanciare il territorio tracciando un cammino che rientrasse nel concetto di turismo slow e a basso impatto. Di viaggio come gesto critico e solidale, infine spirituale

Cammino-Terre-Mutate-Tappa-1-Fabriano-Matelica-campi

Movimento Tellurico è la associazione più attiva, che dal 2012 organizza una marcia su questo percorso: da cammino di protesta contro l’immobilismo della politica (la Lunga Marcia per L’Aquila) è diventata, grazie al numero crescente di partecipanti e all’indotto che portano, un vero e proprio itinerario turistico. Qui il docufilm sul trekking:

Ogni estate sono sempre di più i partecipanti alla Lunga Marcia organizzata (nel 2018 si svolge dal 27 giugno all’8 luglio), ma ormai tutti possono intraprendere questo cammino, che nel tempo è stato messo in sicurezza anche attraverso i contributi del bonus sisma.

 

>> LEGGI ANCHE: Il Sentiero delle Batterie, da Camogli a San Fruttuoso

 

Il percorso del Cammino delle Terre Mutate

Da Fabriano a L’aquila il tragitto a piedi è stato organizzato in 14 tappe da città a città. La prima che si incontra è Matelica, poi Camerino, Fiastra, Ussita, Norcia, Castelluccio, Arquata del Tronto, Accumoli, Amatrice, Campotosto, Mascioni e Collebrincioni.

Cammino-Terre-Mutate-Tappa-7-Norcia-Castelluccio-di-norcia-13

Cammino-Terre-Mutate-Tappa-5-Ussita-Campi-di-norcia-12-1
>> LEGGI ANCHE: Camminare 20 km a piedi per Londra vedendola tutta e tenendosi in forma

Le tappe del Cammino delle Terre Mutate

Le 14 tappe del Cammino delle Terre Mutate sono facili da percorrere con dislivelli piuttosto contenuti (il massimo sono i 1100 metri delle tappe 3 e 6). Ecco le 14 tratte, con il chilometraggio.

Fabriano-Matelica: 25 km

Matelica-Camerino: 23 km

Camerino-Fiastra: 21 km

Fiastra-Ussita: 21 km

Ussita-Visso-Campi di Norcia: 19 km

Campi di Norcia-Norcia: 9,5

Norcia-Castelluccio di Norcia: 16 km

Castelluccio di Norcia-Arquata del Tronto: 18 km

Arquata del Tronco-Accumoli: 16,5 km

Accumoli-Amatrice: 17 km

Amatrice-Campotosto: 13 km

Campotosto-Mascioni: 14km

Mascioni-Collebrincioni: 24,5 km

Collebrincioni-L’Aquila: 8 km

>> LEGGI ANCHE: La Rota Vicentina, le tappe del cammino più bello del Portogallo

 

L’Aquila come Santiago

La meta del Cammino delle Terre Mutate è l’Aquila, approdo finale fisico, mistico e simbolico di un cammino come Santiago de Compostela lo è per il Camino che parte da Roncisvalle (ma da poco è nato il ramo italiano di questo percorso, la Via Postumia, ne abbiamo parlato qui).

Città martoriata dai terremoti più volte, e sempre in grado di rialzare la testa, il capoluogo abruzzese accoglie i pellegrini-trekker permettendo poi le partenze con i mezzi pubblici per tornare a casao a luog in cui si è lasciata l’auto.

 

Cammino-Terre-Mutate-Tappa-6-Campi-di-Norcia-Norcia-27
>> LEGGI ANCHE: Camminare nella natura fa bene anche alla mente

 

Come vestirsi e cha attrezzatura portare nel Cammino delle Terre Mutate

 

Se si decide di percorrere il Cammino delle Terre Mutate in estate, ecco cosa raccomanda l’associazione che ha creato o organizzato il percorso. E anche noi, a partire dalla nostra Guida al Trekking.

Uno zaino da almeno 50 litri (ecco cosa devi sapere per scegliere quello giusto ma anche  come devi riempirlo per non farlo pesare troppo e come proteggerlo dalla pioggia)

Scarpe da trekking a collo alto (qui la nostra guida alle scarpe da camminata)

Asciugamano sportivo in microfibra e 2-3 magliette leggere (qui il nostro vocabolario dell’abbigliamento sportivo per districarsi tra i tessuti tecnici)

2-3 pantaloni da trekking (qui spieghiamo quali caratteristiche devono avere)

3 paia di calzettoni da trekking (per scegliere quelle più adatte leggi qui)

Giacca di tipo guscio per ripararsi dal vento e dal freddo (leggi la nostra guida sulle giacche impermeabili da trekking)

Felpa o pile (ecco i nostri approfondimenti sull’abbigliamento outdoor)

Bastoncini telescopici da trekking (ecco perché sono necessari)

Cappello e occhiali per proteggersi dal sole

Borraccia (ecco le migliori in acciaio inox)

Prodotti per igiene personale (e i detersivi per lavare l’abbigliamento)

Crema solare (qui i consigli per proteggerti in maniera efficace)

Kit primo soccorso: cerotti/Compeed per eventuali vesciche; bende; disinfettante; rotolo nastro adesivo

Mini torcia per muoversi di notte senza svegliare gli altri

 

>> LEGGI ANCHE: Il cammino dei Briganti: trekking sulle mulattiere dimenticate tra Abruzzo e Lazio

 

>> LEGGI ANCHE: 7 posti nella natura selvaggia in Italia per un viaggio lontano dal caos

Dove dormire lungo il Cammino delle Terre Mutate

 

Il percorso è anche un viaggio fra i sapori, le tradizioni italiane, l’ospitalità delle persone di queste zone, che hanno fatto della resilienza una necessità. Si assaggia un patrimonio come la pasta all’amatriciana, si visitano i librai di Matelica, i tessitori di Campotosto.

Cammino-Terre-Mutate-Tappa-4-Fiastra-Ussita-38-1

 

E si dorme in agriturismi, monasteri, B&B, comunità locali, relais, rifugi, campeggi, alberghi, case.
Tutte strutture che fanno parte del Cammino delle Terre Mutate, segnalate sul sito ufficiale del percorso (le foto sono prese dal sito).

Altre idee per un viaggio

5 voli low cost per una vacanza in Europa fuori dal comune

10 mete poso affollate per una vacanza in Europa tra natura, sport e fitness

Vacanza in bici con  bambini: i consigli per partire

Come noleggiare un camper a prezzi bassi

Escursioni e sport nel Parco del Pollino

La via degli Abati, da Pavia a Pontremoli

I fiumi italiani da fare in houseboat

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *