I film sull’Everest alternativi a Everest

The Epic of Everest (1924)
Una pellicola di inestimabile valore storico e alpinistico: The Epic of Everest è il film ufficiale della leggendaria spedizione del 1924, quella in cui persero la vita George Mallory e Andrew Irvine, tra i più grandi alpinisti dell’epoca. Il film è stato restaurato nel 2013 e si trova nell’archivio del British Film Institute (dal cui player online è possibile vederlo in streaming): fu filmato con una cinepresa a manovella dal capitano John Noel e mostra immagini mozzafiato di uno degli ambienti naturali più ostili al mondo oltre che le prime testimonianze della vita in Tibet. Il restauro del BFI ha ripristinato i colori originali e aggiunto l’audio. Imperdibile.

Everest Unmasked Messner Habeler
Epic of Everest
High Tension Everest Simone Moro
Dark Side of Everest National Geographic
Into_Thin_Air_-_Death_on_Everest
Everest 82
Everest IMAX
Beyond The Edge Everest

[slideshow post_id=”31777″]

Il film Everest di Baltasar Kormàkur che ha aperto la 72^ Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia è solo l’ultimo in ordine di tempo di film dedicato alla cima più alta del mondo: da quando infatti il 29 maggio 1953 Edmund Hillary e lo sherpa Tenzing Norgay toccarono per la prima volta la quota di 8.848 metri non si è scatenata solo una corsa all’ascensione che vale una vita (si calcola che oltre 4mila scalatori siano arrivati sul tetto del mondo, spesso sborsando cifre che vanno dai 30mila ai 100mila euro) ma anche quella alla realizzazione del film che finalmente mettesse tutti d’accordo.

Il kolossal hollywoodiano che arriva nelle sale italiane il 24 settembre 2015 non ha di certo messo tutti d’accordo, almeno stando alle prime recensioni, e così è stato anche in passato, tra documentari, ricostruzioni e film Tv che si sono succeduti nel tempo, da The Epic of Everest del 1924 sulla spedizione di Mallory e Irvine in poi.

In attesa di vedere sul grande schermo i vari Jake Gyllenhaal, Josh Brolin e Keira Knightley, ecco 8 pellicole sull’Everest che vale la pena recuperare e rivedere.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA