Attività nei parchi in zona rossa e in zona arancione, cosa cambia

sport-nei-parchi-le-regole-in-zona-rossa-e-in-zona-arancione

Si può fare sport nei parchi? Sì, ma ci sono delle regole ben precise che bisogna rispettare, diverse fra zone rosse e arancioni.
Lo spiega il testo del nuovo Dpcm del marzo 2021 firmato dal Presidente del Consiglio Mario Draghi, che riporta le nuove regole relative all’attività sportiva e attività motoria, valide almeno fino al 6 aprile. 
I parchi e i giardini pubblici, recintati e non, rimangono aperti sia in zona rossa sia in zona arancione, a meno di specifiche ordinanze regionali o comunali. Fare sport o una passeggiata al parco è quindi consentito, ma sempre con l’obbligo di mantenere una distanza di 2 metri per l’attività sportiva (corsa, bici) e di 1 metro per l’attività motoria (passeggiate).
Tuttavia, esistono delle norme specifiche per le zone rosse e le zone arancioni, e non tutte le attività sportive si possono praticare liberamente nei parchi.
>>LEGGI ANCHE: Sport fuori dal comune: quando si può in zona rossa e in zona arancione

Cosa si può fare nei parchi in zona rossa e in zona arancione

Sia in zona arancione sia in zona rossa, nei parchi è consentito:
Correre, andare in bici e praticare qualsiasi attività sportiva individuale che implichi uno spostamento. Nelle zone rosse è obbligatorio essere da soli. Rimane l’obbligo di mantenere una distanza di almeno 2 metri dagli altri.
– Permettere ai propri figli di usare le aree gioco con scivoli, altalene, eccetera. Ai genitori o agli accompagnatori è consentito accedere alle aree gioco recintate per tenere d’occhio i bambini. Rimane valido il divieto di assembramento.
Fare una passeggiata, mantenendo la mascherina e una distanza di almeno 1 metro dalle altre persone. In zona rossa è obbligatorio passeggiare da soli, mentre non è specificato per le zone arancioni.
Prendere il sole in mezzo al prato o sostare su una panchina, sempre rispettando il divieto di assembramento e mantenendo le distanze dagli altri.

Cosa non si può fare nei parchi in zona rossa e in zona arancione

Sia in zona arancione sia in zona rossa, nei parchi non è consentito:
Fare giochi di gruppo.
– Fare sport di contatto: non si può giocare a pallavolo o a calcio nei prati, non si può accedere ai campetti da basket.
Creare assembramenti con amici e parenti.
– Accedere tra le 22 e le 5.
– Fare passeggiate senza la mascherina.

Sport nei parchi in zona rossa: le regole

Secondo il DPCM 2 marzo e le relative FAQ del Governo, le regole per l’accesso ai parchi in zona rossa sono le seguenti:
– È consentito accedere solo ai giardini e ai parchi che si trovano in prossimità della propria abitazione.
– È obbligatorio avere con sé l’autocertificazione per giustificare lo spostamento.
– È vietato accedere ai parchi assieme ad altre persone: sport e passeggiate sono consentiti solo in forma individuale.

Sport nei parchi in zona arancione: le regole

Secondo il DPCM 2 marzo e le relative FAQ del Governo, le regole per l’accesso ai parchi in zona arancione sono le seguenti:
– È sempre possibile raggiungere parchi e giardini pubblici all’interno del proprio comune, dunque si può anche non restare nelle vicinanze di casa propria.
– In assenza di parchi nel proprio comune, è possibile recarsi in un parco situato nel comune limitrofo più vicino a casa.
– Ci si può trovare con un amico per fare una passeggiata o fare una corsa, ma valgono sempre le distanze interpersonali: 2 metri per l’attività sportiva (corsa, bici) e 1 metro con mascherina per l’attività motoria (passeggiata).
[Photo by: mentatdgt / Pexels]

©RIPRODUZIONE RISERVATA