Börz-Plose Bike Day: le strade delle Dolomiti chiuse al traffico per un giorno

Plose Bike Day 2016

No auto, no moto, no pullman, no clacson. Solo bicicletta, in tutta sicurezza. È il Börz-Plose Bike Day, la giornata in cui le strade delle Dolomiti, quelle della Valle Isarco e della Val Badia attorno alla Plose e sul Passo delle Erbe, si chiudono al traffico e lasciano spazio solo e soltanto alle biciclette.

Il giorno è quello di domenica 26 giugno 2016, una intera domenica car-free tutta a disposizione degli amanti della bicicletta che possono così pedalare sulle salite e discese intorno a Bressanone, al cospetto delle Odle, patrimonio Unesco.

Il Börz-Plose Bike Day, la festa delle biciclette nelle Dolomiti

Il Börz-Plose Bike Day non è una manifestazione competitiva, né il classico raduno cicloturistico, ma una giornata-evento e di festa completamente vietata ai mezzi a motore, riservata unicamente ai ciclisti. Il tutto gratuitamente e magari con la possibilità di trovarsi a pedalare fianco a fianco con alcuni campioni dello sport come gli sciatori Werner Heel e Manuela Mölgg, Roland Fischnaller della nazionale di snowboard e una gloria del ciclismo e dello sci fondo femminile come Maria Canins.

La chiusura al traffico motorizzato è prevista fra le ore 9.00 (via libera ai ciclisti dalle 9.30) e le ore 15, lungo un percorso totale di 51 km, compreso fra la quota minima di 950 metri circa e massima di 2000 metri circa, per un dislivello totale di 1370 metri. Si può partire da dove e quando si desidera, e pedalare fino a quando si vuole: l’unico consiglio è quello di percorrere l’intero circuito in senso antiorario, da Sant‘Andrea per Plancios al Passo delle Erbe e ritorno via Luson di nuovo fino a Sant‘Andrea, per un più favorevole andamento altimetrico, sia per una maggiore sicurezza, fra salite e discese, curve e falsopiani.

> Leggi anche: Plose Bike Day, in Valle Isarco senza auto

Il percorso chiuso al traffico

Il percorso individuato è tutto su strada asfaltata e offre un perfetto circuito ad anello ai piedi del Sass Putia e del gruppo delle Odle, con vie d’accesso da Antermoia (Val Badia), Luson, San Pietro (Val di Funes) e Sant’Andrea, ai piedi della Plose (base di partenza degli impianti di risalita della stazione sciistica Plose), poco a monte di Bressanone.

Per la precisione, il percorso circolare vero e proprio ha partenza e arrivo da Sant’Andrea, sulle prime pendici della Plose e poi tocca Eores, Plancios, incrocio Russis, Rifugio Edelweiß, Malga Halslhütte, Rifugio Rodella, incrocio Cialciagn/Gunggan, Malga Müller, Kalkofen, Stadel, Pezzé (San Nicolò), Luson, Walder, Cornale di Sopra, ritorno a Sant’Andrea.

> Leggi anche: 8 idee per un trekking nelle Dolomiti

I punti di accesso al percorso del Börz-Plose Bike Day

Ci si può immettere su questo percorso principale circolare dalla Valle Isarco-Val di Funes a partire da San Pietro in Val di Funes. Qui si parcheggia, e poi in 8,8 km con 610 m di dislivello si sale in bicicletta via Colle/Schoppl – incrocio Russis (il tratto di accesso è chiuso alle auto solo da Colle/Schoppl Russis prima del circuito principale).

Oppure, dal versante Val Badia, partendo da Antermoia (parcheggi) si prende la salita in bici verso il Passo delle Erbe e ci si immette sul percorso circolare via Pé de Börz – Börz/Würzjoch/Passo delle Erbe – incrocio Cialciagn (attenzione: il tratto di accesso è chiuso alle auto solo da Pè de Börz). Oppure, per ridurre la salita in bicicletta, si può parcheggiare appunto alla stessa Pé de Börz, da dove inizia la strada chiusa al traffico (1,4 km 136 m di dislivello).

L’iniziativa Börz-Plose Bike Day si colloca opportunamente fra altri due grandi eventi ciclistici delle Dolomiti, ovvero tra il Sella Ronda Bike Day (il 19 giugno) e la Maratona dles Dolomites (il 3 luglio), e nasce in collaborazione le Associazioni turistiche di Bressanone, Luson e Val di Funes in Valle Isarco, e di San Martino in Badia (in Val Badia).

> Leggi anche: Arabba: trekking e bici al centro delle Dolomiti

Maggiori info sull’evento: www.boerz-plose-bike.org

Credits photo: Silvan Lamprecht

©RIPRODUZIONE RISERVATA