Sport e salute: ecco le 6 regole infallibili per una vita sana

Sport e salute: ecco le 6 regole infallibili per una vita sana

La American Diabetes Association (ADA) ha diramato le sue indicazioni per condurre una vita sana dal punto di vista cardiovascolare, per contrastare i rischi di diabete, malattie cardiache e obesità, patologie notoriamente connesse fra di loro. Si tratta di consigli da mettere in pratica quotidianamente, dall’alimentazione all’attività fisica. Proprio l’attività fisica è al centro dell’attenzione: lo sport, a detta della ADA è la chiave per combattere queste patologie e i suggerimenti, sono validi per tutti, non solo per chi è affetto da diabete o ha problemi di sovrappeso.

> Leggi anche: L’attività fisica aiuta a prevenire il cancro

Sport come terapia

Lo sport, inteso come attività fisica regolare, non è solo qualcosa che fa bene in modo generico. Secondo la ADA deve essere considerato alla stregua di una terapia medica per combattere il diabete (e l’obesità). Non si tratta di una novità assoluta (abbiamo visto come un medico americano prescrive passeggiate nella natura al posto di medicine), ma per la prima volta un ente salutistico definisce terapia necessaria l’attività fisica.

> Leggi anche: Correre ci fa vivere più a lungo

Alimentazione ad hoc

Per le persone che soffrono di diabete in particolare, ecco le 10 regole da cui partire per capire come affrontare i problemi connessi con al patologia. Considerando che in generale per tutti, l’esercizio fisico deve essere svolto una volta seguite alcune indicazioni e controllati alcuni parametri. Se per i diabetici nello specifico è necessario il monitoraggio del metabolismo e dei livelli di glucosio sia prima che dopo lo sport, per tutti è consigliato seguire una alimentazione anche in funzione dell’attività fisica come ad esempio assumere carboidrati nel caso si intenda fare una sessione prolungata di sport.

> Leggi anche: 10 consigli per abbassare il colesterolo

Alzati ogni 30 minuti

La ADA ritiene fondamentale modificare il ritmo della propria giornata prevedendo 3 minuti di ginnastica ogni 30 di lavoro sedentario. Dalla piccola passeggiata a un po’ di stretching a qualche flessione appoggiandosi al muro, diventa necessario mantenere un certo livello di movimento fisico ogni mezz’ora invece che ogni due ore come si riteneva corretto in passato.

> Leggi anche: 60 minuti di sport al giorno contro i rischi di un lavoro sedentario

Cammina 150 minuti a settimana

La American Diabetes Association fa sua la conclusione di alcuni studi recenti che stabiliscono in 150 minuti di attività fisica leggera a settimana il quantitativo corretto per una vita sana dal punto di vista cardiovascolare. Che siano 20 minuti al giorno o 30 minuti in 5 giorni, le 2 ore e mezza di sport aerobico a bassa intensità sono un must sacrosanto per combattere i rischi di diabete e sovrappeso. Un suggerimento utile per rispettare questa indicazione è di fare una passeggiata di circa 10 minuti dopo ogni pasto, cosa che contribuisce a tenere sotto controllo la glicemia, riducendo i livelli di zuccheri del 12%

> Leggi anche: Camminare nella natura fa bene anche alla mente

Corri per 75 minuti a settimana

Corsa, nuoto, bici e i tipi di attività cardio più intensi della camminata sono un altro suggerimento della ADA, da svolgere con la costanza di almeno 75 minuti a settimana, il che, nel mondo ideale, significherebbe fare tre uscite da 25 minuti di running l’una.

> Leggi anche: Meglio correre o camminare per combattere il diabete?

Non limitarti a uno sport

La corsa e gli esercizi cardio vanno combinati con l’allenamento della forza. Se il lavoro aerobico porta benefici nella riduzione del peso, quello con i pesi rende più forte tutto l’organismo. Optare per una strada sola è sbagliato: secondo la ADA è meglio abbinare o alternare i due tipi di attività fisica.

> Leggi anche: Meglio fare prima esercizi di forza o cardio?

Credits photo: Pixabay

©RIPRODUZIONE RISERVATA