15 micro avventure che tutti possono fare

Micro Avventure che tutto possono fare

Non c’è bisogno di mesi di preparativi, attrezzatura costosa e ingombrante, molto tempo a disposizione e ottima preparazione fisica e tecnica per vivere davvero lo spirito dell’avventura. Anzi, l’avventura è dietro casa, e a dirlo è nientemeno che Alastair Humphreys, uno dei più grandi avventurieri e viaggiatori moderni che ha da poco pubblicato pubblicato un libro (Microadventures: Local Discoveries for Great Escapes) che ha letteralmente inventato un mondo nuovo, quello delle micro avventure.

Cosa sono le micro avventure

Le micro avventure sono piccoli e brevi viaggi o semplici cose da fare all’aperto, vicino a casa, in poco tempo, con poca o nulla attrezzatura davvero specifica, accessibili a tutti, anche nei ritagli di tempo, anche con i bambini, anche se non si è allenati o preparati fisicamente, per vivere la quotidianità in modo curioso e con occhi diversi. Quelli di chi considera l’avventura come un disagio visto dal giusto punto di vista, e un disagio un’avventura vista dal punto di vista sbagliato.

> Leggi anche: Nuove cose da fare all’aperto: le micro avventure

15 micro avventure adatte a tutti

Insomma, per vivere una vera micro avventura serve solo saper vedere lo straordinario nell’ordinario, l’avventura nella quotidianità e l’eccezionale nel quotidiano. Come in queste 15 micro avventure davvero adatte a tutti.

Dormire in giardino

Non c’è bisogno di andare in vacanza in campeggio per dormire all’aperto, basta il giardino di casa (o del vicino, se non si ha un giardino): una tendina o anche un sacco a pelo se il meteo lo concede, un fuocherello per tirare l’ora del sonno, una pila frontale per leggere qualche storia ai bambini e poi via, tutti a dormire all’aperto ma praticamente sotto casa.

Fare colazione nel bosco

La colazione è il pasto più veloce della giornata. Perché non trasformarlo in qualcosa di avventuroso, magari nel weekend, andando a bere tè e a mangiare pane e marmellata in un bosco poco lontano da casa?

> Leggi anche: I bambini che fanno colazione vanno meglio a scuola

Camminare di notte

Le stesse strade di tutti i giorni che però di notte assumono tutt’altro aspetto: quante volte ci è capitato di andare in giro di notte solo per la curiosità di sentire rumori diversi e vedere le stesse cose diverse da come sono normalmente durante il giorno? In fondo basta giusto una lampada frontale e magari qualche capo d’abbigliamento rifrangente.

Passare la notte in spiaggia

Ok, non tutti hanno la spiaggia dietro casa, ma poi quando siamo al mare finisce sempre che dormiamo in casa, in albergo o in campeggio. Eppure basta un sacco a pelo o un sacco lenzuolo per dormire in riva al mare, addormentarsi con il rumore ritmico delle onde e svegliarsi con le prime luci dell’alba.

> Leggi anche: 8 consigli per dormire bene all’aperto

Nuotare in un fiume

Quante volte passiamo accanto a fiume e non pensiamo nemmeno lontanamente ci farci il bagno? Per vivere l’esperienza del wild swimming non c’è bisogno di fare chissà quale traversata: basta un corso d’acqua pulita in cui tuffarsi, no?

> Leggi anche: Wild swimming: guida al nuoto in acque libere

Camminare tra due luoghi senza Gps

Si può fare anche in città, basta avere un punto da cui partire e uno in cui arrivare, e dimenticare che esistono le auto, i mezzi pubblici e Google Maps: chi sarebbe davvero capace di andare a intuito da una parte all’altra della città?

> Leggi anche: Come orientarsi senza bussola

Dormire in un bivacco

Montagne e colline sono punteggiate di bivacchi in cui dormire: spesso non hanno luce né acqua corrente e ci sono giusto delle tavole di legno o delle brandine su cui coricarsi. Un vero rifugio di fortuna in cui passare la notte nel modo più essenziale. Cosa serve per farlo? Un sacco a pelo per coprirsi, una lampada frontale e dell’acqua, che non deve mai mancare.

> Leggi anche: 10 cose indispensabili da portare con sé in un rifugio di montagna

Arrivare al capolinea

In treno, o sulla metro, o sull’autobus: sappiamo veramente qual è il capolinea del mezzo pubblico che prendiamo abitualmente? Per scoprirlo basta rimanere a bordo e poi tornare a casa a piedi o in bicicletta.

> Leggi anche: In bici sul treno: 7 consigli fondamentali

Fare Coasteering

Non proprio banale, ma insomma si tratta di camminare lungo la costa rocciosa su cui si infrangono le onde del mare e poi fare un bagno in acqua. Da non improvvisare, ma ci sono guide a cui affidarsi, magari nel corso di qualche giorno di vacanza.

Noleggiare una houseboat

Senza andare in Francia, anche in Italia ci sono un sacco di fiumi e canali navigabili con le houseboat, per le quali non serve nemmeno la patente nautica. E navigare tutto il giorno e poi dormire in barca può essere davvero avventuroso (per quanto possa costare qualche centinaia di euro per un weekend).

> Leggi anche: I fiumi navigabili in Italia con le houseboat

Risalire un fiume fino alla sorgente

Non necessariamente tutto, e non necessariamente solo lungo i sentieri che ne seguono il corso. Ma anche solo per un pomeriggio o per un fine settimana risalire il corso di un fiume (oppure ridiscenderlo fino alla foce) anche entrando nelle sue acque è una bella micro avventura da fare.

> Leggi anche: I migliori fiumi dove fare rafting in Italia

Seguire il nord magnetico

Serve giusto una bussola e la curiosità di vedere dove si va a finire seguendo il nord magnetico il più a lungo possibile.

Guardare la città dall’alto

Nel nostro paese c’è sempre qualche punto panoramico attorno alle nostre città. Basta cercarlo sulle mappe (anche online) e poi raggiungerlo per vedere il nostro abituale mondo da un punto di vista molto diverso. E poi, fosse anche una collina, raggiungere la vetta ha sempre qualcosa di molto soddisfacente.

Guardare le stelle

No, non dal cortile di casa, ma da un punto di osservazione lontano dall’inquinamento luminoso. Se non si vive nelle vicinanze di un osservatorio può andar bene anche un prato lontano da abitazioni e costruzioni, oppure una radura nel bosco. Basta che non ci sia troppa luce di modo da vedere stelle che di solito non si riesce a riconoscere.

> Leggi anche: 7 migliori posti d’Italia in cui vedere le stelle

Fare il gioco della bottiglia

No, non quel gioco della bottiglia, un altro: quello per cui ogni volta che si arriva a un incrocio si fa girare la bottiglia e si prende la direzione indicata dal tappo. Quando ci si stanca si prova a tornare a casa con il senso dell’orientamento.

©RIPRODUZIONE RISERVATA