Dove sciare in Italia sulle piste della Coppa del Mondo di sci

3 Tre_madonna-di-campiglio

Ci sono piste in cui sciare ha un significato in più: non tanto per la difficoltà, la lunghezza o la pendenza quanto perché, su quegli stessi pendii, si sono disputate gare di Coppa del Mondo di sci, maschile o femminile, e su quelle nevi sono passati i più grandi campioni del circo bianco. In Italia sono 22 le località che hanno ospitato almeno una gara di Coppa del Mondo di sci, ultimo esordio quello di Plan de Corones – Kronplatz a gennaio 2017.

Le piste in Italia che hanno ospitato una gara di Coppa del Mondo di sci alpino

Regina di questa particolare classifica è Cortina d’Ampezzo, con 95 edizioni complessive, e non mancano le sorprese, dalla sola edizione di Pila e Cervinia (e Monte Bondone) o le 8 edizioni, tutte al femminile, dell’Abetone.

Insomma eccole, in rigoroso ordine alfabetico, le località e le piste italiane in cui si è corsa almeno una delle 494 gare di Coppa del Mondo tenutesi in Italia.

Abetone

La pista è la 3 Zeno Colò, disegnata dal grande campione nel 1974 sul monte Gomito e, per la stragrande maggioranza degli sciatori, la pista più bella di tutti gli Appennini. Oltre che la pista più a sud dove si sia tenuta una gara di Coppa del Mondo in Italia.

> Leggi anche: Le più belle piste da sci degli Appennini

Alta Badia

Altra pista mitologica: la Gran Risa è tra le più belle, emozionanti e difficili piste di sci del mondo. Attenzione: ci sono due varianti, quella a destra la più facile, quella a sinistra quella delle gare, la 17 nera.

Gran Risa Alta Badia_Fis_Ski_World_Cup_Val_Gardena_Ciampinoi

Aprica

La prima località della lombardia a ospitare una gara di Coppa del Mondo di sci, il 10 dicembre 1975, con una discesa libera vinta dall’austriaca Brigitte Totschnig.

> Leggi anche: Tutte le piste della skiarea dell’Aprica

Bardonecchia

Non vi si corre dal 1971, e vi si tennero appena due edizioni della coppa del mondo femminile, ma con i suoi 100km di piste la località torinese è sempre amatissima.

> Leggi anche: Le migliori piste dove andare a sciare in treno

Bormio

Inevitabilmente la Stelvio: 3230 metri di lunghezza, 1010 di dislivello, una pendenza del 60%, insieme alla Streif di Kitzbuehel è considerata la pista più tecnica (ed emozionante per i comuni mortali) di Coppa del Mondo. Vi si corre ininterrottamente dal 1993.

Pista_Stelvio_in_Bormio

Cervinia

No, non la celeberrima Ventina come si tenderebbe a pensare: negli anni Settanta a Cervinia si tenne una gara di coppa del mondo femminile nella ski area di Cieloalto, con i suoi pendii ripidi e la parte finale nel bosco, più riparata da nebbia e neve.

> Leggi anche: Le località sciistiche più esclusive

Cortina d’Ampezzo

È la località italiana con più edizioni di Coppa del Mondo, ben 95, e la pista è per forza di cose la bellissima Olympia delle Tofane, la pista di casa dell’ampezzano doc Kristian Ghedina.

Pista_Olimpia_Tofane

Courmayeur

Ultima edizione conosciuta quella del 1990, con un podio maschile di Supergigante composto da Pirmin Zurbriggen, Günther Mader e l’italiano Peter Runggaldier. Ma un buon motivo per andare a sciare a Courmayeur lo si trova sempre, no?

> Leggi anche: Tutte le funivie da record del mondo

La Thuile

Quando nel 2016 son tornate la Discesa Libera femminile e il Super G femminile erano 20 anni che la Coppa del Mondo di Sci Alpino non tornava a La Thuile. La pista, ovviamente, la mitica 3 Franco Berthod.

> Leggi anche: Le piste nere più difficili d’Italia

Limone Piemonte

Vi hanno corso le donne dal 1980 al 1984, anni ormai lontani che però non intaccano il fascino della Riserva Bianca piemontese.

> Leggi anche: Le 8 piste da sci più panoramiche d’Italia

Madonna di Campiglio

Semplicemente la 3 Tre, la più antica gara di Coppa del Mondo in Italia. Una rossa difficilissima e tecnica aperta anche in notturna. Serve aggiungere altro?

> Leggi anche: Le piste in cui sciare fino a fine stagioen

Monte Bondone

Be’ sì, il 1° Febbraio del lontano 1967 in questa località trentina si è corsa una gara di slalom speciale di coppa del mondo femminile. Chi se lo ricordava?

> Leggi anche: Le 7 piste da sci più panoramiche del Trentino

Piancavallo

Frazione di Aviano, in Friuli, Piancavallo ha ospitato sulle sue piste alcune edizioni di Coppa del Mondo di sci femminile tra la fine degli anni Ottanta e gli inizi dei Novanta: da provare assolutamente la Nazionale Alta e la Sauc, per sciatori davvero esperti.

> Leggi anche: Dove mangiare e bere bene lungo l’Alpe Adria Trail

Pila

Una sola edizione, nel lontano 10 dicembre 1981, per uno slalom gigante femminile: non è un peccato?

> Leggi anche: 5 percorsi da provare nel Bike Planet di PIla

Plan de Corones

Una sola edizione, recentissima: la prima volta di una gara di Coppa del Mondo a Kronplatz si è disputata a gennaio 2017, con la vittoria di Federica Brignone: noi c’eravamo e ci siamo fatti spiegare difficoltà e insidie della bellissima pista Erta da Manuela Moelgg.

> Leggi anche: Manuela Moelgg presenta la pista Erta per lo slalom gigante di Plan de Corones

San Sicario

Altra pista torinese dove si è corso ininterrottamente dal 1982 (podio composto da Pirmin Zurbriggen, Marc Girardelli e Phil Mahre) al 2007.

> Leggi anche: Neve a misura di bambino: i migliori baby park sulla neve

Santa Caterina Valfurva

Per forza di cose la pista è la Deborah Compagnoni, intitolata alla campionessa locale: è una delle piste più belle e varie delle Alpi, creata apposta per le gare femminili dei Campionati Mondiali di sci alpino del 2005.

Pista deborah compagnoni santa caterina valfurva

Sestriere

La pista Kandahar Slalom ha visto non solo 32 gare di Coppa del Mondo (compresa la prima in notturna, nel 1994) ma anche i campionati mondiali del 1997 e le Olimpiadi di Torino 2006: c’è qualcosa che trasuda più storia dei suoi 675 metri di lunghezza?

Pista-Olimpionica-Kandahar-Sestriere

Tarvisio

Prima edizione nel 2007, e altri ritorni della Coppa del Mondo negli anni successivi sulla Di Prampero, che parte dalla cima del Monte Lussari, da cui lo sguardo spazia su tutta la Valcanale e su Dolomiti di Cadore, Alpi Carniche e Grossglockner.

> Leggi anche: Le migliori piste per sciare di notte

Vipiteno

Sui pendii del Monte Cavallo si sono tenute 3 edizioni di coppa del mondo di sci alpino: 1969, 1974 e 1976. Ricordi sbiaditi, ma questa rimane una delle località più ricche di fascino per uno sciatore.

> Leggi anche: 10 alberghi vicini alle piste da sci

Val Gardena

La famossima Saslong, che scende fino a Santa Cristina e dove ogni anno, a dicembre, arriva il circo bianco della Coppa del Mondo. Si parte appena alla sinistra dell’arrivo della seggiovia Sochers ed è subito emozione e adrenalina.

Saslong Pista Val gardena

Val Zoldana

A Zoldo Alto, nel comprensorio Skicivetta, alla fine degli anni Ottanta si sono corse alcune edizioni di Coppa del Mondo femminile sulla pista nera Foppe, 1424 metri di lunghezza e 370 di dislivello per una pista tecnica ma affrontabile anche dai meno esperti.

> Leggi anche: Happy Hour sulla neve: i migliori après-ski d’Italia

Guarda anche i video dei nostri Ski Test

©RIPRODUZIONE RISERVATA