Bonus bici, arrivano altri 100 milioni, ecco come funziona

bonus-bici-100-milioni-come-funziona

Il bonus bici rilancia: arrivano altri 100 milioni di euro da distribuire a chi ha acquistato una bicicletta, e-bike, monopattino elettrico o altri mezzi di micromobilità.
Dopo il successo di vendite e il caos del click day, la bozza della manovra di bilancio 2021 prevede nuovi stanziamenti per le due ruote.
Si tratta di una buona notizia per chi non è riuscito a ottenere il rimborso dopo aver comprato una bici. Rimane valida la possibilità di inserire i dati del proprio acquisto entro il 9 dicembre 2020, per ricevere il rimborso a gennaio o febbraio 2021.
Ma c’è anche la possibilità di acquistare nuove bici e mezzi di spostamento fino al 31 dicembre 2020 e ricevere il rimborso, fino a esaurimento fondi.
Ci sono alcune novità da conoscere.

Pubblicità

Bonus bici, arrivano altri 100 milioni, ecco come funziona

Il Programma Sperimentale Buono Mobilità promulgato nella scorsa primavera a sostegno dell’acquisto di biciclette e monopattini, viene dunque rifocillato con altri 100 milioni stando a quanto si legge nella bozza del decreto, che deve essere ancora confermato in via definitiva. Lo avevamo già spiegato qualche giorno fa.
Niente di nuovo: per capire come funziona il bonus bici rimpolpato di altri 100 milioni, basta riferirsi alle regole che sottostavano al Bonus Mobilità, ovvero:
1. Il bonus copre il 60% del costo di una bici, e-bike, monopattino elettrico, hoverboard, servizi di sharing (ma non di car sharing) e altri mezzi di micromobilità, fino a un massimo di 500 euro di erogazione: se compro una bici da 100 euro avrò diritto a 60 euro di rimborso, se ne compro una da 833 euro ne avrò 500, se ne compro una da 1000 euro ne riceverò comunque 500
2. I documenti che servono per richiedere il bonus sono quelli di identità e la fattura, o scontrino parlante dell’acquisto, che vano richiesti al venditore (in questo articolo spieghiamo come fare)
3. Il bonus si applica per chi ha acquistato e acquista i mezzi fra il 4 maggio e il 31 dicembre 2020. Chi ha già acquistato una bici entro il 3 novembre deve registrarsi entro il 9 dicembre sulla piattaforma del Ministero dei Trasporti e Infrastrutture (buonomobilità.it), inserendo i documenti. Ecco come si fa
4. In questo momento vengono rimborsati solo gli acquisti effettuati entro il 3 novembre. Chi acquista una bici da qui fino a fine ano riceverà il rimborso nel 2021 in data ancora da stabilire.

Bonus bici novità: voucher solo per bici già in negozio

È importante sapere, come specifica il Ministero, che il bonus, in forma di voucher, può essere utilizzato solo su biciclette e beni già disponibili a magazzino. Significa che non è valido per prenotazioni di bici, monopattini e altro che non sono già presenti in un negozio, anche online. Questa è la novità principale collegata alla nuova erogazione di 10 milioni di euro.
>> LEGGI ANCHE: Bonus bici fallito, come chiedere rimborsi a Poste Italiane

Chi può richiedere il bonus

Come da decreto precedente, possono fare domanda per il Bonus bici i cittadini maggiorenni residenti nei capoluoghi di Regione, Provincia, Città Metropolitane (Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma Capitale, Torino, Venezia) e anche dei Comuni con popolazione superiore a 50 mila abitanti.
Attenzione: si parla di residenza e non di domicilio. Si può far acquistare una bici intestandola a un parente che ha la residenza in una delle città comprese nell’elenco? Sì.

LEGGI ANCHE

> se hai trovato interessante questo articolo, iscriviti alla nostra newsletter compilando il form qui sotto!

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità