Distanza sociale, cosa possiamo imparare dagli animali

distanza-sociale-cosa-possiamo-imparare-dagli-animali

Per combattere il Coronavirus siamo costretti a vivere in modo nuovo a causa delle distanza sociale, imposta per evitare il contagio. In realtà il distanziamento sociale è una pratica diffusa nel regno animale, e osservando la natura possiamo imparare qualcosa. Ce lo spiegano in un articolo su The Conversation Dana Hawley, professore di Scienze Biologiche alla Virgina Tech e Julia Buck, assistente professore di Biologia alla Università del North Carolina at Wilmington.
Scimmie, aragoste, insetti e uccelli sono soliti, in caso di emergenza, evitare i membri malati della loro specie. Sono comportamenti sofisticati che questi animali hanno sviluppato in risposta alle malattie. Il distanziamento sociale li aiuta a sopravvivere: in termini evolutivi, gli animali che si allontanano socialmente in modo efficace durante un’epidemia aumentano le loro possibilità di mantenersi in salute e di produrre più prole.
Così nei millenni gli animali hanno messo in atto una varietà di comportamenti che limitano l’infezione: il distanziamento sociale è così diffuso che può servirci a imparare qualcosa.

Pubblicità

Distanza sociale negli animali: nutri i malati e proteggi gli altri

Gli insetti sono fra i più estremi nel distanziamento sociale in natura. Molti tipi di formiche vivono in spazi ristretti con centinaia o addirittura migliaia di parenti stretti. Proprio come i nostri asili nido, dormitori universitari e case di cura, queste colonie possono creare condizioni ottimali per la diffusione di malattie contagiose.
In risposta a questo rischio, le formiche hanno sviluppato la capacità di allontanarsi socialmente. Quando una malattia contagiosa si diffonde nella loro società, sia le formiche malate che quelle sane cambiano rapidamente il loro comportamento in modo da rallentare la trasmissione. Le formiche malate si autoisolano e quelle sane riducono la loro interazione con le altre.
Inoltre le formiche sane poi proteggono i membri della colonia più importanti e vulnerabili – come le regine e le infermiere – tenendoli isolati dai rischi di entrare in contatto con i germi dall’esterno. Sono misure molto efficaci nel limitare la diffusione della malattia e nel mantenere in vita i membri della colonia.
Altri tipi di animali scelgono anche esattamente da chi allontanarsi socialmente e quando mettersi a rischio. Ad esempio, i mandrilli continuano a prendersi cura dei familiari malati anche se evitano attivamente le persone malate con cui non sono imparentate. In senso evolutivo, prendersi cura di un membro della famiglia malato può consentire a un animale di trasmettere i suoi geni attraverso la prole.
Alcuni animali mantengono interazioni sociali essenziali di fronte alla malattia, mentre rinunciano a quelle meno critiche. Ad esempio, i pipistrelli vampiri continuano a fornire cibo ai loro compagni di gruppo malati, ma evitano di fare loro il grooming. Ciò riduce al minimo il rischio di contagio preservando le forme di supporto sociale che sono essenziali per mantenere in vita i familiari malati, come la condivisione del cibo.
Sono forme sfumate di distanziamento sociale che minimizzano le conseguenze delle malattie mantenendo i benefici della vita sociale. È l’evoluzione che favorisce questi comportamenti in molti tipi di animali.

Altruismo e tecnologia

Anche il comportamento umano in presenza di malattia porta la firma dell’evoluzione. I nostri antenati ominidi hanno dovuto affrontare molte delle stesse pressioni da malattie contagiose che stiamo affrontando oggi.
Come le formiche, stiamo infatti proteggendo i membri più vulnerabili della nostra società dall’infezione COVID-19 assicurandoci che gli individui più anziani e quelli con condizioni preesistenti di patologie stiano lontani da persone potenzialmente contagiose. Come scimmie e pipistrelli, pratichiamo anche il distanziamento sociale sfumato, riducendo i contatti sociali non essenziali e fornendo comunque assistenza essenziale ai familiari malati.
Però ci sono anche differenze importanti. Ad esempio, oltre a prendersi cura dei familiari malati, noi umani a volte aumentiamo il rischio prendendoci cura di individui non imparentati con noi, come amici e vicini. E gli operatori sanitari vanno oltre, cercando attivamente e aiutando coloro che molti di noi evitano accuratamente. È l’altruismo, che distingue la risposta umana da quella animale alle epidemie.
Se alcuni animali devono fare affidamento su segnali sottili per rilevare la malattia tra i membri del gruppo, noi abbiamo tecnologie all’avanguardia che consentono di rilevare rapidamente i patogeni e quindi isolare e trattare le persone malate. E grazie agli strumenti di comunicazione possiamo informare il pianeta delle minacce per la salute in un istante, il che ci consente di istituire in modo proattivo comportamenti che mitigano le malattie. Questo è un enorme vantaggio evolutivo tipico dell’uomo.
Infine, grazie alle piattaforme virtuali, possiamo mantenere connessioni sociali senza un contatto fisico diretto. Ciò significa che, a differenza di altri animali, possiamo praticare l’allontanamento fisico piuttosto che quello sociale, il che ci consente di preservare alcuni degli importanti benefici della vita di gruppo minimizzando il rischio di malattia.

I costi del distanziamento sociale

Le natura insomma ci mostra che il distanziamento sociale è uno strumento efficace per ridurre la diffusione delle malattie. È anche uno strumento che può essere implementato più rapidamente e ovunque rispetto a quasi tutti gli altri. A differenza della vaccinazione e dei farmaci, i cambiamenti comportamentali non richiedono sviluppo o test.
Tuttavia, il distanziamento sociale può anche comportare conseguenze insostenibili. Alcuni animali altamente sociali, come le manguste fasciate, non evitano i membri del gruppo anche quando sono visibilmente malati perché i costi evolutivi del distanziamento sociale dai loro parenti potrebbero essere semplicemente troppo elevati.
Come stiamo attualmente sperimentando, il distanziamento sociale impone anche gravi costi di vario genere nelle società umane e questi costi sono spesso sostenuti in modo sproporzionato dalle persone più vulnerabili.
Dato che il distanziamento sociale può essere costoso, perché lo fanno così tanti animali? In sostanza, perché i comportamenti che ci proteggono dalle malattie alla fine ci permettono di goderci la vita sociale – uno stile di vita che offre una miriade di benefici, ma comporta anche dei rischi. Utilizzando il distanziamento sociale quando è necessario, gli esseri umani e gli altri animali possono continuare a raccogliere i diversi benefici della vita sociale a lungo termine, riducendo al minimo i costi delle malattie potenzialmente mortali quando insorgono.
In conclusione, spiega l’articolo, il distanziamento sociale può essere profondamente distruttivo per la nostra società, ma può anche bloccare un focolaio di malattia sulle sue tracce. Le formiche lo sanno bene.
(foto Skeeze Pixabay)

 

LEGGI ANCHE

I libri di sport da leggere per trovare ispirazione

I 20 suggerimenti antistress degli psicologi italiani

Gli esercizi per la respirazione di Mike Maric

Coronavirus: come non ingrassare mentre siamo chiusi in casa

Come fare yoga in casa

10 esercizi di ginnastica da fare con la sedia

12 esercizi a corpo libero per allenarsi a casa

15 esercizi con le braccia da fare con il TRX

4 esercizi da fare in casa per la schiena e la postura

Esercizi per tonificare i glutei

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità