Cosa serve per fare yoga in casa, dal tappetino agli oli essenziali

Cosa serve per fare yoga in casa

Lo yoga si può praticare un po’ ovunque, anche a casa propria: è una disciplina complessa, che però può dare grandi soddisfazioni ed è dimostrato funzioni da antistress e antidepressivo.
Per fare yoga a casa è indispensabile essere organizzati sia con la giusta attrezzatura che seguendo i consigli di un istruttore competente. Abbiamo chiesto a Elisabetta Artemisia Ferrari, insegnante di yoga (certificata Yoga Alliance RYT 500), ciò che non deve mancare mai per praticare yoga in casa.

 

Praticare yoga in casa anche se sei esperto

Se il lavoro in palestra è importante per formare le basi della conoscenza dello yoga e dunque per avere la giusta impostazione nell’esercizio, è anche vero che la pratica personale a casa è sempre consigliata. Perché? “La calma di un ambiente familiare aiuta la concentrazione sul respiro e sui movimenti del proprio corpo”, spiega la Ferrari, “questa cosa è più difficile da fare in classe perché si deve stare al passo con una sequenza che ci viene mostrata”.

 

Yoga in casa: come scegliere il tappetino giusto

Sia che ci si approcci allo yoga come principianti che invece per i più esperti, la scelta del tappetino è fondamentale. “Per chi è alle prime armi consiglio uno spessore medio”, suggerisce Elisabetta Ferrari, “che aiuta anche a ridurre eventuali fastidi nelle posizioni con le ginocchia a terra. Serve per avere una base stabile, per non scivolare”.
“Prima di comprarlo provatelo con attenzione, un buon test? La posizione del cane a testa in giù – con mani e piedi a terra, il bacino verso l’alto a formare una V rovesciata – così da rendersi conto se avete sufficiente grip. Per chi è alle prime armi consiglio uno spessore medio, che aiuta a ridurre eventuali dolori alle ginocchia”.
In rete se ne trovano di molti tipi. Fra i migliori segnaliamo questo Liforme tappetino da yoga, che è antiscivolo e ecologico, con un sistema di indicatori di movimento molto utile per chi non è uno yogi navigato.

tappetino-yoga-lifeforme-amazon

Se ne trovano anche a prezzi molto più bassi, a partire da circa 18 euro.

 

Alcune domande su mindfulness, yoga e sport. E le risposte

 

Come scegliere i blocchi da yoga per praticare in casa

I blocchi da yoga sono un altro accessorio essenziale per una pratica yoga confortevole. La Ferrari spiega che “Vi serviranno anzitutto per sedervi più comodamente a gambe incrociate a inizio pratica o durante la meditazione, soprattutto se le vostre anche sono un po’ chiuse: sedersi in punta al blocco, sugli ischi, permette di mantenere la schiena eretta e di sentirsi più a proprio agio. Consiglio di acquistarne due perché possono essere props (ausili) molto utili per imparare alcune posizioni avanzate come quelle di equilibrio”.

blocco-yoga-amazon

Qui un’ampia scelta fra blocchi yoga, che vanno da circa 10 a circa 25 euro.

 

 

Come deve essere la cinghia da yoga per lezioni in casa

Una cinghia da yoga è una semplice cintura con chiusura che aiuta nell’allungamento quando, soprattutto in alcune posizioni, non si è particolarmente flessibili. “Nei piegamenti avanti, da seduti a terra con gambe tese, la cinghia da yoga diventa un prolungamento delle braccia per arrivare a toccare i piedi e si trasforma in un ausilio per progredire verso posizioni più avanzate”.

cinghia-yoga-amazon

 

Una buona cinghia da yoga costa da 5 a 12 euro.

 

Una coperta di pile è utile per chi pratica yoga in casa

La coperta in pile – va benissimo una di quelle Ikea per esempio – è doppiamente utile: “Arrotolata e usata in alternativa o insieme al blocco, consente di sedersi più comodamente durante la meditazione e i pranayama – ovvero gli esercizi di respirazione controllata – e serve per coprirsi durante i savasana, ovvero il rilassamento finale, nel quale si sta sdraiati con gli occhi chiusi e si assorbono a pieno i benefici della pratica. Nell’ultima fase la temperatura corporea si abbassa quindi è bene avere la coperta con sé”.

Con 12-25 euro si trovano ottime coperte per lo yoga.

 

Yoga in casa: relax con musica e oli essenziali

Creare un ambiente accogliente, con musica rilassante e un diffusore di oli essenziali, dispone meglio alla pratica dello yoga in casa: “non è affatto banale concentrarsi su di sé, trovare il modo di dedicarsi una coccola. Provate a creare le condizioni giuste per praticare in piena tranquillità e per ritagliarvi del tempo…”.
Per farlo servono diffusori e oli essenziali: la scelta è molto ampia, e i prezzi anche.

Praticare lo yoga a casa: i servizi in abbonamento che ti aiutano

Per la pratica personale dello yoga Elisabetta consiglia di aiutarsi con servizi in abbonamento di scuole, sia per italiani che per stranieri. Alcuni forniscono accesso illimitato a classi di yoga a prezzi contenuti con insegnanti di yoga certificati.

 

> Iscriviti alla nostra newsletter compilando il form qui sotto!
Spoiler: ne mandiamo poche, ma buone!

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche...

Super legs: per farla breve