Perché fare sport quando abbiamo raffreddore e influenza

Ellittica per casa caratteristiche

Combattere il freddo, l’influenza e il raffreddore non è una battaglia persa, anzi c’è un rimedio piuttosto semplice: fare sport, non smettere di fare attività fisica. Lo afferma il dottor Jayson Loeffert, che si occupa di medicina dello sport alla Penn State University, che spiega come quando abbiamo il raffreddore non dobbiamo smettere di eseguire le nostre routine di esercizio fisico.
Il motivo? Fare sport attiva il sistema circolatorio e provoca conseguenze benefiche per la salute, accelerando il processo di guarigione. Questo non significa mettersi a fare workout da zero o mantenere la stessa intensità nello sport che abbiamo quando stiamo bene, ma possiamo ridurre il ritmo adeguandolo al nostro stato: usciremo più velocemente dalla malattia in modo naturale. Con alcune accortezze da seguire, che spieghiamo sotto.
>> LEGGI ANCHE: 10 malattie pericolose che si possono prendere stando all’aperto 

Pubblicità

 

Perché fare sport quando abbiamo raffreddore e influenza

Naturalmente quando non stiamo bene a causa del freddo o di un’influenza, difficilmente ci viene voglia di metterci a fare sport.
Ma, spiega il dottor Loeffert in un comunicato stampa dell’università, fare movimento, correre, svolgere workout di fitness aumenta la frequenza cardiaca, fa lavorare il cuore e favorisce l’attività del un flusso sanguigno; inoltre apre i polmoni e rilascia endorfine. Tutte situazioni e sensazioni che ci aiutano a sentirci meglio quando fa freddo e quando abbiamo influenza e raffreddore. E a guarire più in fretta.
Certo non è necessario mantenere i ritmo di attività a cui siamo abituati quando stiamo bene. Abbassare ritmi e intensità, nel caso di influenza, va benissimo, spiega il dottor Loeffert, ma se vogliamo cercare di guarire dall’influenza nel modo più naturale possibile, non è proprio il caso di smettere di muoverci. “Se sei davvero congestionato o hai il respiro sibilante, potresti essere senza fiato, quindi ti consigliamo di ridurre l’intensità”. Quando sentiamo un forte affaticamento o una tosse incontrollata, è meglio staccare e riposare.
>> LEGGI ANCHE: Il vaccino antiinfluenzale negli sportivi: perché è utile

 

Cosa non fare quando abbiamo l’influenza

Prima di tutto, spiega il dottor Loeffert, è sconsigliabile iniziare un workout quando si è malati perché non abbiamo una routine di riferimento per avere raffronti su quello che riusciamo a fare.
Poi, specifica il dottore, alcune persone colpite da influenza o raffreddore possono avere difficoltà a respirare quando si esercitano all’aperto all’aria fredda e secca; in questo caso va benissimo spostare il proprio allenamento in casa.
E chi ha problemi gastrointestinali può evitare la corsa o altre attività che diventano problematiche: qui è meglio sospendere le attività finché non si sta meglio.
Infine, meglio evitare lo sport quando abbiamo la febbre: “L’esercizio fisico provoca naturalmente un aumento della temperatura corporea. Quando hai la febbre, la tua temperatura è già più alta del normale. Se hai la febbre, l’esercizio fisico può causare un ulteriore aumento della temperatura corporea a un livello non sicuro”.
Se pratichi il nuoto, devo sapere che Inoltre, potresti avere più difficoltà a respirare e il cloro in una piscina, cosa che potrebbe peggiorare il livello di congestione.
In ogni caso, se facciamo sport ad esempio in palestra, dobbiamo stare attenti a non contagiare le persone vicine, coprendoci sempre la bocca con il braccio quando tossiamo e ripulendo le attrezzature con gel o salviettine igienizzanti.
>> LEGGI ANCHE: Correre col freddo fa bene (e fa dimagrire): i consigli 

 

LEGGI ANCHE

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità