Cosa fare (e cosa non fare) se incontri un lupo

lupo-cosa-fare

Se ci chiediamo se è pericoloso incontrare un lupo, la risposta è: in genere no ma dipende, di sicuro è più pericoloso per una pecora o una gallina, ed è comunque bene sapere cosa fare (e cosa non fare) se incontri un lupo perché a volte il nostro istinto ci spinge a fare cose che non dovremmo fare.
Un lupo è appena stato avvistato in Valtellina, a Bormio, in zona San Gallo: è stato intercettato e ripreso in video (poi postato su Facebook) da un cittadino. Non siamo ancora sicuri si tratti di un esemplare di lupo ma le immagini sembrano andare in questa direzione.
Il passaggio dell’animale risale a qualche giorno fa e sta ora facendo il giro del web, sollevando domande sulla pericolosità del lupo e su cosa fare nel caso lo si incontrasse.
Vai avanti a leggere per sapere cosa fare e cosa non fare quando incontri un lupo.

 

Cosa fare se incontri un lupo

Il lupo del video, ormai virale, passeggia serenamente nella neve vicino alla strada. Non si fa intimidire dalla persona che lo riprende, anzi si ferma e poi prosegue lungo la sua strada.

“Al momento non sono state segnalate attività predatorie, quindi non abbiamo elementi certi per dire che si tratti proprio di un lupo” spiega Graziano Simonini, comandante della Polizia Provinciale, “Solo con resti di bestie sbranate possiamo, attraverso l’esame del dna della saliva del predatore, dire con certezza di che animale si tratti. Non ci possiamo basare solo sul filmato”.
Non si può quindi ancora parlare di un lupo che si aggira in Alta Valtellina, ma sembra anche che sia stata trovata una pecora sbranata a Sondalo, segnalata dalla proprietaria alle autorità. Del resto i dati parlano di 5 branchi che si aggirano in Valtellina, con 5-7 elementi per branco.
>> LEGGI ANCHE: Dove vedere i lupi in Abruzzo

 

Incontrare un lupo è rischioso?

La questione non è così semplice. In genere il lupo è un animale selvatico, notturno e elusivo, che si tiene lontano dall’uomo, piuttosto concentrano la loro attenzione sugli animali da allevamento. Ma è anche vero che negli ultimi anni i lupi si sono avvicinati ai centri urbani, si sono fati più temerari (da qui ad esempio la polemica sull’abbattimento mirato dei lupi in Trentino, che ha coinvolto anche Messner).
E si sono verificati casi di attacchi a esseri umani, come nel gennaio 2019 in Maremma, quando un branco di lupi ha attaccato due uomini, mordendone uno alla mano.
Avvicinandosi ai centri abitati, i lupi possono diventare più confidenti con l’uomo e non fuggire, come succede ad esempio nel video valtellinese. Si contano sempre più casi di lupi che tollerano la vicinanza dell’uomo anche a distanze ridotte, e di giorno.
Ma la prima cosa da tenere in mente è che non si tratta di cani, ma di animali predatori selvatici dai sensi molto sviluppati e che per natura si sentono minacciati dalla nostra presenza e dal nostro comportamento.
Così se capita di incontrarne uno, è bene seguire alcune norme, alcune delle quali possono essere prese come riferimento da LifeWolfAlps.
>> LEGGI ANCHE: Cosa fare se incontri un orso

Cosa fare se vedi un lupo da lontano

“Nel caso lo si osservi da lontano, non agitiamoci e restiamo in silenzio: godiamoci questo momento che molto probabilmente sarà uno dei rari ricordi che avremo del lupo, animale schivo e difficilissimo da avvistare”, spiegano gli esperti. La cosa più facile è che il lupo stia tranquillo e che a un certo punto si allontani.

Cosa fare se assisti a una predazione

Se poi capitasse di assistere a una predazione su animali selvatici, non dobbiamo interferire in nessun modo con l’azione di caccia del lupo per “salvare” la preda: il lupo è un fattore di selezione naturale dell’ambiente e come tale va rispettato.
Se invece incontriamo dei lupi che stanno già mangiando una preda, evitiamo di disturbarli allontanandoci subito in silenzio. Se per caso i lupi scappassero, spaventati dal nostro arrivo imprevisto, evitiamo comunque di avvicinarci e di toccare la carcassa predata.
>> LEGGI ANCHE: Cosa are se incontri un cinghiale nel bosco

 

Cosa fare se incontri un lupo da vicino: non scappare

La prima è quella di non fare nulla, non fare in ogni caso mosse avventate. È il modo migliore per poter osservare un lupo quando è vicino e non farlo sentire ulteriormente minacciato. Molto probabilmente il lupo fuggirà: evitiamo di seguirlo, perché il senso di minaccia può aumentare e spingerlo a comportamenti per noi imprevedibili.
Se ci sentiamo spaventati, una soluzione è far rumore, urlare e agitare le braccia, sia per richiamare l’attenzione di altre persone che per “scaricare un po’ dell’adrenalina che questo emozionante incontro ci avrà procurato”.
Se capitasse (caso raro) che in vostra presenza il lupo diventasse aggressivo, la cosa da NON fare mai è scappare: la nostra fuga innescherebbe nel lupo l’istinto predatorio impresso da millenni nel suo dna e inizierebbe a inseguirci, rendendo la situazione per noi drammatica e imprevedibile e rischiando di con volgere altri esemplari di un branco.
Se avete la fortuna di avvistare un lupo, annotatevi giorno, luogo e ora e segnalate la vostra osservazione al 1515 o all’Ente locale di competenza (Parchi, Province). È un contributo importante per il monitoraggio del lupo.
(foto pexels)

 

LEGGI ANCHE

Impianti aperti: dove sciare in Italia a novembre

Carne rossa e colesterolo

OOO, l’Ottimo Oroscopo Outdoor

Quanto camminare per stare bene

Perché ingrassiamo con l’età

Come tenersi in forma a casa

Servono 10 mila passi al giorno per essere in forma?

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA