Cosa succede quando mangiamo cibi grassi (e quanti mangiarne a settimana)

 

Come facciamo a ingrassare e cosa succede al nostro organismo quando mangiamo cibi grassi? Succede che ognuno reagisce in modo proprio, diverso da altri. La scoperta, raccontata nel paper pubblicato sul Journal of Nutritional Biochemistry dai ricercatori dell’Agricultural Research Service (ARS) e dell’Università della California-Davis è piuttosto sorprendente, e dieta o alimentazione non c’entrano niente. La ricerca fa capire che quando mangiamo cibi ricchi di grassi abbiamo risposte infiammatorie molto personali, uniche in ognuno. Allora, se il nostro corpo reagisce con meccanismi di autodifesa per mantenerci in equilibrio, quanti cibi grassi possiamo mangiare in una settimana? Secondo i ricercatori, un’alimentazione corretta deve prevedere una, massimo due volte la settimana: se invece andiamo oltre rischiamo, oltre a finire in sovrappeso, di incorrere in problemi di salute. 

 

 

 

 

Cosa succede al corpo quando mangiamo cibi grassi

Abbiamo da poco scoperto perché ingrassiamo con l’età, ovvero perché cambia l’equilibrio dei grassi in ingresso e quelli in uscita dal nostro corpo (ne parliamo in questo articolo). La reazione del nostro organismo di fronte ai grassi è dunque fondamentale.

Quando mangiamo cibi, che siano grassi o meno, il corpo reagisce con un’azione infiammatoria, che avviene perché viene ordinato ai globuli bianchi di attivarsi. L’infiammazione è un meccanismo di autodifesa nel corpo e fa anche parte delle risposte immunitarie che abbiamo a disposizione per mantenerci in equilibrio.

Nel condurre lo studio, i ricercatori americani hanno esaminato le reazioni infiammatorie dei volontari a 0, tre e sei ore dopo aver mangiato un pasto standardizzato contenente il 38% di grassi (hamburger, patatine fritte e un frullato di gelato). Hanno scoperto che non c’erano due risposte esattamente uguali.

Ogni volontario nello studio ha avuto una sua propria quantità ‘unica’ di risposta infiammatoria, determinata da 13 mila geni coinvolti nella reazione.

 

>> LEGGI ANCHE: Perché ingrassiamo con l’età

 

 

Quante volte mangiare cibi grassi alla settimana

A margine dello studio gli scienziati americani forniscono indicazioni sulle abitudini alimentari per mantenerci sani e non ingrassare, finendo in sovrappeso, con i conseguenti rischi di malattie cardiache come diabete, ictus o infarto. “Mangiare un pasto con questa quantità di grasso del 38% si può fare uno o due giorni alla settimana anche considerando l’effetto sull’infiammazione. Ma in un mangiare in questo modo ogni giorno potrebbe danneggiare il corpo di una persona”, spiega la leader dello studio Danielle Lemay.

 

>> LEGGI ANCHE: Come (e quanto) correre per dimagrire

 

>> LEGGI ANCHE: Abbiamo davvero bisogno di fare 10mila passi al giorno per essere in forma?

 

Cosa succede se mangiamo troppi cibi grassi

Questo perché la risposta infiammatoria del corpo ci protegge finché manteniamo sotto controllo la quantità di grassi che incameriamo. Ma se eccediamo, è bene sapere che l’infiammazione è associata a una serie di problemi come asma, diabete, ulcere peptiche, artrite reumatoide e altre patologie.

Uno dei motivi per cui questo studio risulta interessante anche la possibilità di usarne i risultarti per mettere a punto diete e programmi di nutrizione personalizzati. Ma prima di poter iniziare a stabilire criteri di organizzazione di diete basate sul consumo di grassi vanno ancora fatti passi avanti, arrivando a capire di più sulla variabilità delle risposte infiammatorie tra le persone prima.

 

Consigli su come dimagrire con la camminata

 

 

 

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA