Corsa e nuoto si possono praticare assieme?

Corsa e nuoto si possono praticare assieme

Esclusi i triatleti, per i quali è normale alternare corsa, nuoto (e bicicletta), per molti runner così come per molti nuotatori la domanda sulla possibilità di praticare assieme corsa e nuoto è di quelle che incuriosiscono e lasciano dubbi. Parlando di amatori, e quindi persone il cui vero interesse è quello di mantenersi in forma o migliorare le prestazioni personali, corsa e nuoto si possono davvero praticare assieme, per esempio alternando gli allenamenti settimanali?

> Leggi anche: Triathlon: i consigli per cominciare di Alessandro Degasperi

Praticare contemporaneamente corsa e nuoto

Sì, la risposta è che corsa e nuoto possono benissimo essere praticati assieme, alternando allenamenti di corsa e allenamenti in piscina, e con reciproci vantaggi per le due diverse attività oltre che per il benessere generale di chi le pratica.

> Leggi anche: Wild swimming, guida al nuoto in acque libere

Nuoto e corsa sono molto simili dal punto di vista cardiovascolare

Dal punto di vista cardiovascolare il nuoto e la corsa sono due sport che possono avere numerosi punti di contatto. Benché infatti siano praticati in due ambienti totalmente differenti e utilizzando prevalentemente muscoli diversi e in modo diverso, si possono infatti replicare le stesse dinamiche facendo lavorare il cuore con frequenze cardiache simili: i lunghi, le ripetute, l’Interval Training o i lenti di recupero si possono fare tanto correndo quanto nuotando e oggi, con i cardiofrequenzimetri, è possibile anche monitorare e replicare le stesse frequenze cardiache.

> Leggi anche: Tutti i benefici del nuoto pinnato

Nuoto e corsa sono due sport complementari

Se dal punto di vista cardiovascolare nuoto e corsa hanno numerosi punti di contatto, da quello dell’impegno muscolare sono invece due sport assolutamente complementari: se infatti le gambe sono dure, o soffrono di infiammazioni tendinee, per esempio alle ginocchia o ai talloni, si può pensare di allenarsi in piscina nuotando “solo braccia” con l’ausilio delle cavigliere galleggianti; analogamente dopo un duro allenamento di nuoto o quando ci sono infiammazioni alle spalle si può pensare di mantenere la forma fisica andando a correre.

Quello che è importante è che non bisogna aspettarsi subito prestazioni analoghe: per quanto infatti dal punto di vista cardiovascolare ci si potrebbe aspettare di non aver difficoltà di “fiato”, chi proviene dal running troverà difficoltà a nuotare a ritmo intenso così come i nuotatori faranno fatica ad abituare le gambe al ritmo della corsa. Per questo la cosa migliore è organizzarsi con un minimo di metodo, alternando le sedute d’allenamento dei due sport in maniera equilibrata (per esempio corsa-riposo-nuoto-riposo-corsa-riposo-nuoto-riposo) o quantomeno regolare (per esempio corsa-riposo-nuoto-riposo-corsa-riposo-corsa-riposo-nuoto-riposo-corsa-riposo o viceversa).

> Leggi anche: 17 motivi per cominciare a correre

Nuotare è utile per recuperare dopo una corsa

Non sono pochi i maratoneti, anche amatori, che dopo una 42km dedicano qualche sessione di allenamento al nuoto: è un modo per recuperare in modo attivo, facendo lavorare i muscoli delle gambe senza sovraccaricarli ulteriormente, anche o soprattutto le articolazioni. Nuotare, in modo blando e regolare, è infatti un ottimo metodo di recupero attivo.

> Leggi anche: Crioterapia: perché fare il bagno nel ghiaccio dopo un allenamento

Nuoto + corsa = Multisport

Quella del multisport è una tendenza sempre più diffusa anche tra gli sportivi amatoriali. I vantaggi sono indubbi e molteplici: sviluppo più armonico del fisico, possibilità di alternare le sedute senza sovraccaricare eccessivamente, metabolismo sempre stimolato e attivo, riduzione degli infortuni da stress e in generale una condizione fisica e atletica costante.

> Leggi anche: I 10 migliori sport per dimagrire

Credits: Pixabay

©RIPRODUZIONE RISERVATA