Chi pratica yoga dimentica il dottore e le medicine

Chi pratica yoga dimentica il dottore e le medicine

Un po’ di yoga al giorno leva il medico di torno. Be’, non è esattamente così, ma quasi: un team di ricercatori del Massachusetts General Hospital ha condotto uno studio che rivela come la pratica dello yoga e in generale di tecniche di rilassamento diminuiscano la necessità di visite e di interventi medici.

In cerca di una conferma scientifica a una credenza antica, i ricercatori americani hanno preso in esame i dati di 4mila pazienti (raccolti fra 2006 e 2014) a cui il medico aveva raccomandato pratiche di rilassamento e li hanno confrontati con quelli di 13 mila pazienti che invece non avevano utilizzato pratiche del genere.

> Leggi anche: Yoga trekking: come si pratica e i suoi benefici

Chi pratica yoga riduce del 43% le visite mediche

I risultati, citati nello studio “Relaxation response and resiliency training and its effect on healthcare resource utilization“, sono a dir poco impressionanti. Il dato più importante che emerge è che chi fa uso di tecniche di rilassamento come yoga, meditazione e altre, riduce del 43% le visite mediche.

In sostanza i pazienti sviluppano la capacità di captare e interpretare i sintomi senza un medico e, in molti casi, addirittura di curarsi da soli. Grande è l’incidenza di queste tecniche nei casi di patologie dovute a stress (mal di testa, insonnia, attacchi di panico, gastriti, dolori pettorali, irritazioni intestinali), che costituiscono un terzo della spesa generale americana per al salute (80 miliardi di dollari nel 2012).

> Leggi anche: I migliori sport contro lo stress

Chi pratica yoga migliora la resilienza

Oltre l’80% dei pazienti rivelano scarsa capacità di resistenza allo stress psicologico e di resilienza. È un problema che migliorerebbe grazie all’insegnamento di tecniche di rilassamento e avrebbe la conseguenza di un minore ricorso a cure mediche ma anche di risparmi di denaro ad ogni livello, e minore incidenza sul sistema medico-sanitario. Inoltre, come abbiamo già scritto, lo yoga fa bene al cuore quanto correre o andare in bici e costituisce anche un binomio perfetto con l’arrampicata. Come spiega lo studio:

“I nostri risultati indicano che queste pratiche possono ridurre le malattie individuali e il ricorso a risorse mediche, e migliorare il livello della sanità. Sono pratiche a costo zero rispetto al costo di una visita al pronto soccorso, a una ospedalizzazione o a terapie mediche”.

> Leggi anche: Woga, tutti i benefici dello yoga in acqua

Se Camminare è la miglior medicina del mondo e camminare in montagna ci rende più felici, è sempre più evidente come anche la scienza stia dimostrando come si viva meglio stando più a contato con la natura, stimolando il corpo a conoscersi meglio e a rispettarsi e spingendo la mente a sfruttare le sue potenzialità.

> Leggi anche: Stare nella natura è il segreto della longevità

Photo by Tim Savage from Pexels

©RIPRODUZIONE RISERVATA

3 responses to “Chi pratica yoga dimentica il dottore e le medicine

  1. Purtroppo io da circa 7 mesi soffro un po’ di depressione e da qui scaturisce la mia insicurezza il mio nervosismo, così non solo non dormo ma mi sento così stressata,che non riesco proprio a muovermi e mi sto’ impigrendo sempre di più. Cosa posso fare per alleviare il tutto premetto che sono anche in pre-menopausa grazie aspetto una vostra risposta

Comments are closed.