Odore di sudore nei tessuti sintetici: come eliminarlo

Odore di sudore nei tessuti sintetici: come eliminarlo dai capi sportivi

L’odore di sudore nei tessuti sintetici, che persiste anche dopo il lavaggio, è un problema molto diffuso in chi pratica sport e usa capi tecnici. Di più, il cattivo odore dato dalla sudorazione spesso non riguarda solo i capi a stretto contatto con la pelle, come t-shirt tecniche, pantaloncini e calzamaglie, calze e intimo compreso il reggiseno, ma permane anche sui secondi e terzi strati, dalle giacche invernali da running o per il ciclismo a pantaloni e giacche da escursionismo o sci. E altrettanto spesso il lavaggio in lavatrice non risolve il problema dell’odore di sudore nei tessuti sintetici né quello degli aloni: come eliminarlo allora dai capi sportivi?

Perché c’è odore di sudore nei tessuti sintetici?

Il sudore, di sé, non avrebbe un cattivo odore, ed è solo quando arriva a contatto con le fibre dei tessuti che scatena una serie di reazioni che provocano la tipica puzza. Quando sudiamo infatti trasferiamo i batteri presenti sulla pelle tra le fibre degli indumenti che indossiamo, in particolare alcuni batteri che degradano i lipidi e gli steroidi che si trovano sulla pelle. Il trasferimento dei batteri e delle sostanze della pelle ai tessuti sintetici provoca una biotrasformazione e la creazione di sostanze volatili odorose che sono appunto le responsabili del cattivo odore di sudore sui tessuti sportivi. Infine, se questo meccanismo riguarda anche i tessuti naturali, come il cotone, la lana e il lino, i tessuti sintetici creano condizioni più favorevoli alla proliferazione batterica, all’assorbimento delle sostanze volatili e quindi a puzzare di più di un capo in fibre naturali.

Come togliere l’odore di sudore dal tessuti sintetici dei capi sportivi?

Ameno di particolari trattamenti anti-odore, oggi sempre più diffusi nei capi tecnici, togliere l’odore di sudore dal tessuti sintetici dei capi sportivi però risulta molto difficile, anche a fronte di ripetuti lavaggi oppure di lavaggi ad alte temperature che però hanno spesso come unica conseguenza quella di rovinare gli indumenti tecnici.

La prima cosa da fare per non far puzzare di sudore gli indumenti tecnici sarebbe lavarli subito dopo l’uso. Il motivo è dato dalla spiegazione precedente: meno si lasciano agire i batteri in un ambiente ideale come quello dei tessuti tecnici, meno si sprigionerà odore di sudore e meno impregnerà le fibre tecniche. Però lavare subito i capi sportivi con un programma specifico non è sempre possibile (banalmente per non fare una lavatrice con solo una t-shirt e un paio di pantaloncini usati per correre) e allora si può immergerli subito in acqua fredda versando un paio di cucchiaini di bicarbonato che, come nel caso della muffa nelle borse e dell’odore di piedi nelle scarpe da ginnastica, neutralizza l’odore. Attenzione: ammollo in acqua fredda e non calda che invece potrebbe favorire la penetrazione dei batteri nelle fibre sintetiche, enfatizzando il problema.

Lavaggio in lavatrice dei capi sportivi per togliere l’odore di sudore

Ovviamente prima o poi si tratta di fare un lavaggio in lavatrice dei capi sportivi per togliere l’odore di sudore e anche per questo ci sono alcuni rimedi che funzionano meglio di altri.
Come prima cosa è bene evitare lavaggi a temperature eccessive, che potrebbero deteriorare il capo tecnico: normalmente gli indumenti per lo sport in tessuto sintetico si lavano a 30°C o 40°C, non di più. L’ideale sarebbe farlo con il programma per i sintetici, mettendo in lavatrice solo capi sintetici, e usando un detersivo specifico per i capi sportivi.

Vietatissimo l’ammorbidente (che non serve all’atto pratico e contiene sostanze che rovinano i trattamenti tecnici dei capi), se non si ha un detersivo specifico se ne può usare uno tradizionale, meglio se in polvere anziché liquido, e ancor meglio se contiene enzimi che rimuovono le macchie di sudore come amilasi, proteasi o lipasi (normalmente sono riportati in etichetta).

Anche l’ossigeno favorisce la rimozione dell’odore di sudore dai capi sintetici, e lo si può usare sia nel prelavaggio (quando si mettono ammollo) per esempio utilizzando appunto il bicarbonato, o acqua ossigenata oppure candeggina delicata (o per delicati) che non è a base di cloro ma appunto di ossigeno. Ovviamente un prodotto igienizzante è molto efficace, ma è anche molto inquinante per l’ambiente e sta a ognuno di noi decidere se usarlo o meno.

Come far asciugare i capi sportivi per togliere l’odore di sudore dai tessuti sintetici

Anche il modo in cui far asciugare i capi sportivi può aiutare a togliere l’odore di sudore dai tessuti sintetici. Esclusa l’asciugatrice (il calore potrebbe vanificare l’effetto del lavaggio, fissando macchie e odori nei tessuti) l’ideale è un luogo asciutto, ventilato, magari soleggiato, di sicuro non a contatto con fonti di calore (i caloriferi in inverno) e poi riporre i capi solo se perfettamente asciutti (ma trattandosi di tessuti traspiranti di solito asciugano in meno tempo rispetto a quelli naturali).

 

Gli articoli più letti in questi giorni

Perché ingrassiamo con l’età

Come tenersi in forma a casa

Lavorare 4 giorni a settimana, come sarebbe la settimana corta per la salute

Brooks Ghost 12, la recensione delle scarpe ammortizzate

I benefici del nuoto in piscina

Il vaccino influenzale per chi da sport, i consigli dei medici

Le malattie pericolose che si possono prendere all’aperto

8 consigli per riuscire a correre più veloce

Carne rossa e colesterolo

Bici elettrica economica: i modelli da comprare

©RIPRODUZIONE RISERVATA